Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Green pass, la truffa su Whatsapp: allarme della polizia postale

  • a
  • a
  • a

Green pass, la polizia postale lancia l'allarme su una nuova truffa che corre su Whatsapp. Sulla popolare app di messaggistica istantanea, infatti, negli ultimi giorni sono arrivati a diversi utenti alcuni falsi messaggi che invitano a scaricare la "certificazione verde" e ad inserire i propri dati bancari.

 

La polizia postale, che monitora costantemente questi fenomeni e si premura di avvisare sempre gli utenti, anche attraverso i propri canali social, spiega come funziona questo nuovo tentativo di truffa. "Negli ultimi giorni, numerosi utenti stanno segnalando la ricezione tramite whatsapp del messaggio: 'In questo link puoi scaricare il certificato verde Green Pass Covid-19 che ti permette liberamente di muoverti in tutta Italia senza mascherina'. Cliccando sul link, l’ignaro utente viene catapultato su una finta pagina istituzionale con numerosi loghi simili agli originali", spiegano le forze dell'ordine. "Proseguendo nella navigazione sul sito, all’utente viene richiesto di inserire i propri dati personali e/o bancari con l’obiettivo di utilizzarli fraudolentemente", spiega la polizia postale che raccomanda sempre di fare "molta attenzione ai link indicati nei messaggi e di aprirli solo dopo averne accertato la veridicità della fonte di provenienza. Non inserire mai i propri dati personali, soprattutto quelli bancari. Eventuali messaggi sospetti potranno essere segnalati sul portale della polizia postale commissariatodips.it".

 

E' quindi necessario prestare la massima attenzione a questi fenomeni, dal momento che ora milioni di persone hanno ultimato la vaccinazione anti Covid e molti stanno scaricando il green pass che permette di spostarsi liberamente o partecipare ad eventi e spettacoli. Ma la certificazione può essere scaricata dall'app IO o da altri canali istituzionali ufficiale, a cui si può accedere con le proprie credenziali personali, prime tra tutte lo Spid, e non certo tramite link inviati via chat da non ben identificati mittenti, che cercano solo di spillare soldi agli utenti che aprono messaggi senza un'attenzione adeguata.