Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccini, "cerchiamo gli over 50". La battaglia di Figliuolo che annuncia la vittoria a settembre

  • a
  • a
  • a

Il generale Francesco Paolo Figliuolo è stato intervistato a Domenica In su Rai1, il programma di Mara Venier di oggi domenica 27 giugno dove ha dato il dato di circa 2 milioni di over 70 ancora non vaccinati, annunciato la battaglia per cercare gli over 60 che non si sono vaccinati e arrivare al successo finale dell'80 per cento di vaccinazioni per fine settembre.

 

 

Tra gli over 70 "oggi abbiamo 2.650.000 non vaccinati su una platea di 18,1 milioni, però degli over 80 ne mancano solo 350mila, quindi siamo quasi al 97 percento dei vaccinati. Noi abbiamo chiesto come struttura commissariale di fare un procedimento attivo, e abbiamo immesso oltre 50 team mobili della Difesa che insieme a quelli sanitari delle Regioni e delle Province autonome stanno battendo i paesini più isolati per cercare di intercettare chi è allettato. Sugli over 70 siamo a circa l’87%, bisogna quindi ancora migliorare. Sugli over 60 siamo a poco più dell’80%, quindi ci sono 1,5 milioni di persone che vanno cercate, e questo va fatto anche per gli over 50".

La battaglia di Figliuolo vede comunque una vittoria, quella finale:  "Sono convinto che a fine settembre avremo l’80% dei vaccinati".

 

 

"Vaccinarsi è importantissimo. Ora dobbiamo mettere in sicurezza gli over 50, poi i giovani, poi anche la classe 12-16 anni che sarà utile per la riapertura delle scuole, questa magari più avanti", ha detto ancora il generale Francesco Paolo Figliuolo intervistato a Domenica In su Rai1. A chi suggerisce cautela con la vaccinazione dei ragazzi più giovani, Figliuolo ha ricordato che "la Federazione italiana pediatri ne ha messo in evidenza l’importanza e la sicurezza. È chiaro che noi ci affidiamo alla scienza, il professor Vaia e il viceministro Sileri potranno essere più chiari di me, ma ho sentito anche parole incoraggianti dal professor Locatelli, insigne pediatra, che dice che ora i benefici sono molto maggiori dei rischi".