Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Puglia, ordinanza di Emiliano vieta il lavoro nei campi nelle ore calde: il testo e le sanzioni

  • a
  • a
  • a

La Regione Puglia vieta il lavoro nei campi nelle ore più calde della giornata. Il presidente, Michele Emiliano (Pd), ha infatti emanato un'apposita ordinanza - la numero 182 del 2021, clicca qui per leggere il testo - disponendo le modalità di impiego dei lavoratori e le sanzioni per i trasgressori.

 

Nello specifico, l'ordinanza riguarda le "Attività lavorativa nel settore agricolo in condizioni di esposizione prolungata al Sole - ordinanza contingibile e urgente per motivi di igiene e sanità pubblica". Il testo dispone che è vietato il lavoro in condizioni di esposizione prolungata al sole, dalle ore 12.30 alle 16 con efficacia immediata e fino al 31 agosto, sull’intero territorio regionale nelle aree o zone interessate dallo svolgimento di lavoro nel settore agricolo, limitatamente ai soli giorni in cui la mappa del rischio indicata sul sito worklimate.it/scelta-mappa/sole-attivita-fisica-alta riferita a: lavoratori esposti al sole con attività fisica intensa alle 12, segnali un livello di rischio alto. Restano salvi i provvedimenti sindacali limitati all’ambito territoriale di riferimento. La mancata osservanza degli obblighi comporterà le conseguenze sanzionatorie previste dalla legge", spiega il testo.

 

Scopo del dettato normativo è quello di tutelare la salute dei lavoratori ed evitare rischi, anche di morte, per coloro i quali passano tante ore all'aperto, con temperature spesso proibitive. Restano ovviamente salvi i provvedimenti di alcuni sindaci, come quello di Nardò che ormai lo emette da cinque anni, o come quello di Brindisi "limitati all’ambito territoriale di riferimento". Peraltro in Puglia le temperature tranne che in questo weekend sono destinate a risalire pericolosamente a partire da lunedì. La misura, della durata di due mesi, non è escluso che faccia da "apripista" a disposizioni analoghe anche in altre regioni, in particolare del Mezzogiorno, caratterizzate da un importante ricorso alla manodopera agricole e a questo genere di produzioni.