Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roma, imbrattata la statua della porchetta a Trastevere: la pista degli animalisti

  • a
  • a
  • a

Roma, vandali in azione nella notte a Trastevere: la statua dedicata alla porchetta è stata infatti imbrattata con della vernice rossa. Nei giorni scorsi, dopo l'installazione, c'erano state proteste da parte degli animalisti. La scultura si trova in Piazza San Giovanni della Malva, nel rinomato quartiere popolare della capitale.

 

Roma, monumento alla porchetta a Trastevere fa infuriare gli animalisti: "Toglietelo, è un'offesa" | Foto – Corriere di Viterbo

Logo
Cerca

Roma, monumento alla porchetta a Trastevere fa infuriare gli animalisti: "Toglietelo, è un'offesa" | Foto

  • a
  • a
  • a

Bufera sul monumento alla porchetta a Roma. L’organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) della Capitale  chiede "la rimozione dell’installazione 'Dal panino si va' in piazza in piazza San Giovanni della Malva, a Trastevere che, più che rappresentare ’un atto aggregativo e itinerante del consumare il cibo all’aperto, come affermano gli organizzatori, è un insulto anzitutto agli animali ma anche a chi li ama e non li mangia". "Abbiamo ricevuto molte telefonate di protesta, e non solo da parte di vegetariani e vegani, ma anche da persone che forse ora ci penseranno due volte prima di mangiare la porchetta che, ricordiamolo, altro non è che un cucciolo di maiale arrostito intero per poi essere affettato - dichiara Rita Corboli delegata dell’Oipa di Roma - Si tratta di una creazione che, se voleva celebrare una tradizione alimentare romana, speriamo che stia contribuendo invece a demolirla". 

"Per la prima volta, come non succedeva da molti anni a questa parte Roma, in particolare il primo Municipio della città, ha deciso di aprirsi all’arte contemporanea non rivolgendo l’attenzione ad artisti affermati e conclamati che hanno già un loro percorso, ma chiedendo agli studenti, ai futuri artisti in formazione, di lavorare e offrire la loro idea di Roma, tenendo conto dell’ispirazione che i luoghi stessi possono produrre dalla loro stratificazione millenaria". Spiega Sabrina Alfonsi, presidente Municipio Roma I Centro, intervenendo sulla polemica del monumento alla  porchetta di Trastevere. "Un’idea di città democratica, come piace a noi, prevede il confronto alla sua base - aggiunge Alfonsi - Le polemiche di queste ore su una delle installazioni, da parte di associazioni animaliste e cittadini sensibili al tema, ci porta a rilanciare proprio il confronto. Anche perché parliamo di arte contemporanea, che tra le sue peculiarità ha elementi di provocazione, e non di animali morti. Grazie all’opera in oggetto è stato riportato in vita un dibattito sul rapporto tra uomo e animali allevati per il consumo che era morto e sepolto. Per questo abbiamo proposto di organizzare alle stesse, che si sono immediatamente rese disponibili, un incontro in piazza con le diverse associazioni, gli artisti, le Istituzioni e i cittadini che vorranno partecipare. Il tutto nel rispetto delle sensibilità collettiva. Farà del bene a tutti e soprattutto ai giovani artisti che attraverso questo confronto potranno apprendere il significato di arte pubblica e contribuire alla ricostruzione di quel tessuto sociale di cui abbiamo tanto bisogno e che è il fine ultimo del progetto Piazze romane".

La sede Lav di Roma "critica aspramente la scelta del Municipio 1 di apporre una statua in travertino raffigurante un maiale fatto a pezzi in Piazza San Giovanni della Malva, nel centralissimo rione Trastevere". "Nelle intenzioni di Sabrina Alfonsi e Giuseppa Urso, rispettivamente presidente e assessora alla Rigenerazione urbana del Municipio Roma 1, la statua dovrebbe celebrare una tradizione romana andata perduta, l’atto aggregativo e itinerante del consumare il cibo all’aperto - sottolinea la Lav - ma, secondo la Lav, l’opera offende la sensibilità di circa trecentomila romani vegani e vegetariani che in essa vedono un insulto al valore della vita degli animali esseri senzienti, al loro sacrificio forzato in nome di una preferenza alimentare nemmeno necessaria ma solo egoistica. La Lav critica altresì la scelta di concedere il patrocinio all’iniziativa da parte del Comune di Roma e i Ministeri dei Beni Culturali e del Turismo". "Gli animali non sono panini ma esseri senzienti. Qualunque pretesto si voglia addurre, l’arte non è arte se calpesta la sensibilità delle persone e in questo caso di tante, tantissime persone che sono anche cittadini ed elettori romani. La scelta di apporre simile statua è a dir poco infelice ed è emblematica del livello di consapevolezza e della visione che ancor oggi certi amministratori pubblici hanno della questione animale - dichiara David Nicoli, responsabile Lav Roma - Chiediamo quindi alla Presidente Alfonsi di voler provvedere alla immediata rimozione della infelicissima statua"

Copyright © Gruppo Corriere S.r.l. | P.IVA 11948101008 - ISSN (sito web): 2531-923X
Torna su

La scultura, dedicata ad uno dei piatti tipici della tradizione culinaria romana, aveva fatto molto discutere anche i cittadini della capitale ed è stata deturpata anche con graffiti e volantini di protesta. Animato anche il dibattito politico, dal momento che l'iniziativa voluta dalla presidente del municipio, Sabrina Alfondi (Pd), aveva avuto il placet di Comune e ministero, ma aveva scatenato la Lav. "Nelle intenzioni di Sabrina Alfonsi e Giuseppa Urso, rispettivamente presidente e assessora alla Rigenerazione urbana del Municipio Roma 1, la statua dovrebbe celebrare l’antica tradizione romana delle mangiate all’aperto, ma così si offende la sensibilità dei 300 mila romani vegani e vegetariani, con un insulto al valore della vita degli animali, al loro sacrificio forzato in nome di una preferenza alimentare solo egoistica", aveva tuonato l'associazione.

 

Adesso si pensa addirittura alla rimozione dell'installazione, che potrebbe altrimenti essere di nuovo bersaglio di atti vandalici. Nei giorni scorsi è stata lanciata anche una raccolta firme online contro l'idea del primo municipio della capitale. Questa la descrizione che l'artista aveva dato alla scultura, il cui processo di realizzazione era stato pubblicato sul sito dell'università: "La porchetta, alimento tipico laziale, ironico e beffardo! Capace di alimentare la goliardia, ma anche di generare confronto. Il cibo degli opposti: popolare e nobile, democratico e monarchico, papalino e infernale. Sono le anime di una città che si ricercano passeggiando, informandosi, conoscendo. Spinti da un desiderio di scoperta e di condivisione reale. La porchetta è il cibo di cui si parla anche quando si mangia. L’opera realizzata in travertino, a riprendere la raffigurazione degli animali tipica dell’arte romana classica, celebra questa tradizione".