Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Iss: "Indice Rt a 0.69. Incidenza dei casi in calo a 12 ogni 100 mila abitanti"

  • a
  • a
  • a

Covid, l'Istituto superiore di Sanità (Iss) ha reso noto come l'indice Rt in Italia sia sostanzialmente stabile, attestandosi a 0.69. Cala invece l'incidenza dei casi ogni 100 mila abitanti, che passa da 19 a 12. È quanto emerge dal bollettino dell’Istituto superiore di sanità relativo al monitoraggio settimanale nel periodo che va dall'1 al 15 giugno.

 

L’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,69 (range 0,62- 0,74), stabile rispetto alla settimana precedente, e sotto l’uno anche nel limite superiore. Continua il calo nell’incidenza settimanale (12 per 100 mila abitanti nel periodo 13-20 giugno, rispetto a 19 per 100 mila abitanti della settimana 7-13 giugno). L’incidenza è sotto il valore di 50 per centomila abitanti ogni 7 giorni in tutto il territorio. L’Iss sottolinea come la campagna vaccinale progredisca velocemente e l’incidenza sia a un livello che permetterebbe il contenimento dei nuovi casi. Nessuna Regione supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica.

 

"Il tasso di occupazione in terapia intensiva è 4 per cento, sotto la soglia critica, con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 504 del 15 giugno a 362 del 22. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente (4 per cento). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 3.333 del 15 giungo a 2.289 del 22 giungo", si legge nel bollettino. Intanto, in relazione ai timori per l'aggressività della variante Delta, "il vaccino ha una reazione molto positiva e reagisce bene", ha detto il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, ospite ad Agorà su Rai 3. "Di fronte a cittadini vaccinati, la variante aggredisce meno", ha sottolineato il sottosegretario, che ha aggiunto: "Mi auguro che ci sia un’opera di sensibilizzazione" in merito, ha concluso.