Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meteo, "bolla africana, caldo fino a 45 gradi" e la fiammata è solo all'inizio

  • a
  • a
  • a

Caldo, caldissimo. Una fiammata africana che durerà per giorni. Parola di esperti. Punte eccezionali per il mese di giugno: fino a 45 gradi. E' stato caldo nel fine settimana e in questi primi due giorni della nuova settimana, ma è solo l'inizio.

 

"Attenzione, non è finita qui!", annunciano gli esperti de Ilmeteo.it . "Anzi. Nei prossimi giorni i termometri sono destinati a salire ulteriormente fino ad infrangere con buone probabilità parecchi record storici (ovviamente considerando il mese di giugno) pure quelli della famigerata estate 2003, considerata la più calda da quando si effettuano rilevazioni".
Secondo il sito specializzato, "stiamo parlando di temperature che potranno salire ben oltre i 40°C su molte regioni d'Italia, fino a toccare picchi eccezionali addirittura di 44/45°C. Insomma, una bella botta per essere solo all'inizio della stagione".
Entrando nel dettaglio, "la fase più incandescente è attesa tra martedì 22 e giovedì 24. A salire sul gradino più alto del podio sarà la Sicilia, con Siracusa: qui i termometri toccheranno valori davvero eccezionali con picchi fino a 45°C con un generale bollore esteso comunque un po' a tutta l'Isola".
Viene indicato una sorta di podio. "Seconda migliore classificata sarà la Puglia con il foggiano che punterà verso la quota di 43/44 gradi. Seguirà a ruota la Calabria, con Catanzaro intorno ai 41°C".

 


E ancora annunciati picchi fino a 39/40°C anche sulle Marche e almeno 36/38°C nelle zone interne della Toscana, in Umbria e su alcuni tratti dell'Emilia. Solo qualche grado in meno, ma livelli davvero molto importanti, anche a Napoli, Roma, e sul resto del Centro-Nord, con la colonnina di mercurio attestata intorno ai 34/35°C.
Per vedere una moderata flessione dei termometri, "bisognerà attendere quanto meno la parte conclusiva della settimana, ma un cambiamento più marcato potrebbe aver luogo non prima del prossimo weekend". E intanto si boccheggia.