Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Saman, Salvini a Dritto e Rovescio: "Non è un caso isolato per l'Islam. Ce l'ho con gli ipocriti" | Video

  • a
  • a
  • a

Il caso di Saman Abbas, la ragazza uccisa probabilmente dai parenti per essersi opposta a un matrimonio combinato, è in apertura di Dritto e Rovescio, la trasmissione di Paolo Del Debbio in onda su Rete4 giovedì 10 giugno. Tra gli ospiti Matteo Salvini: "Rischi come quelli di Saman si vivono in migliaia di case italiane - ha sottolineato il segretario della Lega -. Non è un caso isolato. Questo è figlio dell’interpretazione più bieca della religione islamica. Disprezzo per la bestia che avrebbe ucciso Saman ma anche per l’ipocrisia di tutti quelli che tacciono per cui l’immigrazione è sempre bella e l’Islam è rose e fiori e non dicono nulla perché se qualcuno alza il dito rischia di dare ragione a Salvini". 

 

 

Salvini ha quindi proseguito: "Su 5 milioni di stranieri - ha spiegato ancora - i delinquenti sono un’estrema minoranza ma certi episodi sono fatti in nome dell’Islam. Io invito le comunità islamiche a denunciare e isolare", ha aggiunto. Si passa poi al tema riaperture: "Non esiste pensare a discoteche senza musica e ballo - ha commentato Salvini -. L’alternativa è tra rave party abusivi o la riapertura controllata. Stiamo parlando di 3.000 discoteche, di 100mila posti lavoro e dal mio punto di vista dal 1 luglio devono riaprire".

 

 

Infine un breve commento alla morte di Camilla Canepa, la ragazza di 18 anni deceduta a causa di una trombosi dopo essersi sottoposta al vaccino anti Covid Astrazeneca. "Non si può sperimentare sulla pelle dei ragazzi e dei bambini. Si era detto che Astrazeneca era per gli over 60. Poi ci sono stati i geni degli Open Day. Chi ha autorizzato a farlo anche ai giovani?", ha affermato ancora Salvini a Dritto e Rovescio, la trasmissione di Paolo Del Debbio andata in onda su Rete4 giovedì 10 giugno.