Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Jessica Melena, chi è la moglie di Ciro Immobile: sexy capo delle wags azzurre

  • a
  • a
  • a

Jessica Melena è sicuramente una delle wags più attraenti del calcio italiano. Mora, fisico statuario, super sexy, grande confidenza con i social, è la moglie di Ciro Immobile attaccante della Lazio e della Nazionale, uno degli uomini più importanti per il ct Mancini nell'imminente Europeo.

 

 

Ma chi è Jessica? Classe 1990, originaria di Bucchianico, un paesino in provincia di Chieti, suo padre era postino mentre la madre cuoca. Dopo la maturità si è trasferisce a L’Aquila per conseguire una laurea che le permettesse di diventare criminologa, il suo sogno. Per questo si è iscritta a Scienze delle Investigazioni. Ma dopo aver incontrato e conosciuto Ciro Immobile ha lasciato tutto per stare al fianco dell'attaccante - che ha indossato le maglie di Juventus, Pescara, Torino, Borussia Dortmund, Siviglia e Lazio - e mettere su famiglia con lui (insieme hanno tre figli, Michela, Giorgia e Mattia).

 

 

Rare le sue apparizioni in tv. La prima nel 2017 come protagonista del documentato “Le Capitane” in onda su Spike Tv. In precedenza aveva partecipato ad alcuni concorsi di bellezza (ha vinto Miss Meditterraneo nel 2009 e Miss Peugeot nel 2011). Per il resto è rimasta sempre lontana dai riflettori anche se ha sempre detto di poter fare uno strappo per Ballando con le Stelle avendo una grandissima passione per la danza. Tanto è rimasta lontana dal mondo dello spettacolo, altrettanto è attratta dai social. Da Instagram in particolare: vanta quasi un milione di followers che manda spesso in tilt con le sue forme mozzafiato. Probabile che - almeno per quanto riguarda la prima parte dell'Europeo - possa essere a capo delle wags azzurre per le partite della Nazionale che si giocano a Roma allo stadio Olimpico. D'altronde ha tutti i numeri per essere la leader delle compagne azzurre e chissà che possa portare fortuna al suo Ciro che dopo il titolo di capocannoniere della Serie A proverà a prendersi quello di Euro 2020. Significherebbe che anche l'Italia ha fatto tanta strada.