Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, sette regioni in zona bianca dal 7 giugno. Coprifuoco alle ore 24 in zona gialla

  • a
  • a
  • a

Da domani, lunedì 7 giugno, Abruzzo, Umbria, Liguria e Veneto passano in zona bianca. Sale così a sette il numero delle regioni dove le restrizioni anti Covid passano nella loro misura più leggera. Dalla settimana scorsa, in questa fascia, erano già entrate Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna.

 

Per tutte le altre, che restano ancora in zona gialla, cambia l'orario di entrata in vigore che coprifuoco, che passa dalle 23 alle ore 24, per concludersi sempre alle 5. Dal 21 giugno, inoltre, questa misura sarà abolita anche per le regioni in fascia gialla, mentre non è già più in vigore per quelle in zona bianca. Intanto sono 37.671.984 le somministrazioni di vaccino effettuate in italia. È quanto riferisce l’ultimo dato pubblicato sul sito del Ministero della Salute, aggiornato alle 6.07 di oggi. Sono quindi 602.749 le dosi iniettate nelle ultime 24 ore. Sono 12.902.652 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Rispetto alle dosi consegnate (quasi 42 milioni) la percentuale di sieri somministrati è dell’89,7 per cento. La Lombardia ha somministrato 6.529.143 dosi.

 

Da oggi, inoltre, è iniziata anche la somministrazione ai 12enni fragili con una serie di iniziative in diverse zone d'Italia (come nel caso del Vaccine junior day a Rieti). L'unico nodo ancora da sciogliere resta la data sull'apertura delle discoteche. Ma la questione è ormai entrata in agenda e la prossima settimana, forse martedì, potrebbe partire una prima interlocuzione con i tecnici ministeriali. I gestori dei locali chiedono che l'Esecutivo si esprima quanto prima per fornire delle certezze, che arriveranno quindi nei prossimi giorni. Attenzione al tema è stata posta non solo dalle Regioni, ma anche dal ministro per le Autonomie, Mariastella Gelmini, e dal sottosegretario alla Salute, Andrea Costa. E' probabile una ripresa delle attività ai primi di luglio, per scongiurare anche rave e feste improvvisate che potrebbero così sfuggire dalle regolamentazioni anti Covid invece previste per i locali del divertimento.