Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Anna Carrino, da donna del boss Francesco Bidognetti a pentita: le figlie Katia e Teresa

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Anna Carrino è stata per anni la compagna del super boss della camorra Francesco Bidognetti. Ma in una sera del settembre 2007, Anna smise di essere madre, figlia e donna del boss decidendo di collaborare con la giustizia per svelare i segreti del clan dei Casalesi. "Ho parlato, fatto rivelazioni scottanti e adesso vivo nel terrore di essere uccisa", ha rivelato tempo fa. La Carrino era arrivata persino a sostituire il compagno alla testa del clan, dopo che Bidognetti è finito in carcere. Per diventare collaboratrice di giustizia però ha dovuto rinunciare ai propri figli.

 

 

Anna è stata appunto per un quarto di secolo l'amante, la confidente, la persona di fiducia, l'interfaccia nei rapporti con il clan, la messaggera, la madre delle due figlie femmine - Katia e Teresa - e dell'ultimo maschio del boss Bidognetti. Francesco Bidognetti non l'ha mai sposata, anche se la trattava come sua moglie. Sono state le sue confessioni, la storia raccontata dall'interno delle mura domestiche, a rafforzare le accuse contro Bidognetti e il suo impero, economico e camorrista. Intelligente, fedele, pronta ad anticipare desideri e comandi del suo compagno, Anna Carrino negli anni si era prestata anche a fare rapporto su omicidi fatti e da fare. Era stata lei, fino al giorno dell'arresto - avvenuto a Roma - a tenere in piedi l'impero economico di famiglia. Quanto ai figli, Katia, Teresa e Gianluca, lei gli ha consigliato di uscire e di allontanarsi dal mondo della camorra, senza successo. 

 

 

A febbraio del 2017 le due giovani sono state arrestate insieme alla cognata Oerietta Verso (la moglie del secondogenito Raffaele). Ma la frattura non ci sarebbe solo tra padre, figlie e la madre pentita. Anche le due ragazze hanno preso decisioni diverse in merito al rapporto da avere con gli inquirenti. Infatti, Katia ha sempre mantenuto il silenzio senza neanche rispondere alle domande del Gip durante i primi interrogatori di garanzia. Al contrario Teresa si è mostrata più disponibile interagendo con le autorità. “Le donne si stanno zitte e mute e si fanno il carcere", aveva detto Katia al suo nuovo compagno nel 2013, probabilmente riferendosi alla madre. Il racconto di Anna Carrino a Belve, con Francesca Fagnani, su Rai2, dalle 23 di venerdì 4 giugno.