Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'aria che tira, Bassetti si sfoga sui vaccini: “I 60enni si sentono superman”

 L'infettivologo Matteo Bassetti

  • a
  • a
  • a

Sei milioni di italiani sopra i 60 anni non sono vaccinati. Alla trasmissione L’aria che tira su La 7,  Myrta Merlino ha presentato i dati delle cosiddette categorie fragili. E ciò ha scatenato la dura reazione di Matteo Bassetti, in collegamento: “Noi abbiamo pensato anche giustamente all'immunità di gregge ma in alcune categorie di persone non ce ne frega niente, dobbiamo coprire il 100 per cento, soprattutto tra chi ha più di 65 anni”.

 

 

 

Purtroppo però, ha aggiunto il direttore di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova, “tra i 60 e i 69 anni hanno la sindrome di superman e dicono no al vaccino. Il problema è che si sentono forti e non si vaccinano, non è un problema della struttura commissariale”.  L'infettivologo ha poi alzato la voce contro chi indossa la mascherina all'aperto o tra un boccone e l'altro mentre mangia, sostenendo così quanto detto dal collega Alberto Zangrillo: “A cena con la mascherina con la cannuccia è una panzana, finiamo per avere una pubblicità negativa. Non mi pare che sia né il primo né l'ultimo scivolone del Comitato tecnico scientifico. La mascherina all'aperto, in spiaggia o in cima alla montagna non ha alcun senso, una legge non seguita è una legge che non serve”.

 Zangrillo aveva detto sempre dalla Merlino: "Quando sono in montagna, in un sentiero in mezzo ai boschi e vedo una persona lontana con la mascherina, penso che stia sviluppando una patologia psichiatrica. 

 

 

Siamo dinanzi a un potenziale paziente psichiatrico”. E ancora: “Se la vedo da sola all’aria aperta che cammina sul lungotevere - ha affermato rivolgendosi a Merlino - dico ‘ma guarda quella poverina’. Mette la mascherina perché, lo ha sentito in televisione? A lavoro, in banca, in altri posti va messa, altrimenti da soli all’aperto no. È questa la differenza tra un popolo di beoti e le persone responsabili”.