Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scuola, Bianchi: "Presto tutti gli studenti in presenza. E via ai vaccini anche per i ragazzi"

  • a
  • a
  • a

Il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, è intervenuto sul futuro della scuola in una intervista a Repubblica: "L’obiettivo è avere tutti gli studenti in presenza, anche quelli delle superiori. E per farlo il nostro primo problema è garantire la sicurezza. La scuola oggi ha bisogno di certezze e siamo a lavoro per questo. Con il decreto sostegni abbiamo già dato 150 milioni alle scuole per la sicurezza sanitaria. Adesso, in accordo con il generale Figliuolo, stiamo facendo ripartire le vaccinazioni per tutto il personale scolastico: siamo al 70%, a settembre avremo tutti vaccinati", ha spiegato.

 

 

D’accordo con il vaccino anche per gli adolescenti, spiega: "Insistevo da tempo su questo e, ora che le case farmaceutiche sono alle fasi finali della sperimentazione, se darà esito positivo, spero si cominci in fretta con i ragazzi - ha affermato -. Stiamo lavorando con i ministri Gelmini, Lamorgese e Giovannini, con le Regioni e gli enti locali, insieme ai tavoli dei Prefetti per organizzare la gestione dei trasporti anche rispetto agli orari di ingresso e di uscita a scuola". Per quanto riguarda i docenti in cattedra, con oltre 200.000 insegnanti ancora precari, il ministro ha sottolineato come "non intenda fare sanatorie: il mio obiettivo è arrivare a un sistema a regime con concorsi annuali. Nel prossimo decennio - ha spiegato - andranno in pensione 28-30mila insegnanti all’anno e dovranno essere sostituiti con assunzioni a tempo indeterminato. Sui precari porremo attenzione alle persone, riconoscendo le loro esperienze professionali, e le esigenze degli studenti, per garantire loro la continuità didattica".

 

 

"Stiamo lavorando con la Presidenza del Consiglio e con il ministero dell’Economia per anticipare i tempi per garantire a settembre la ripartenza con soluzioni adeguate al Paese - ha aggiunto Bianchi -. La riduzione del numero di studenti per classe fa parte di un nuovo disegno del sistema scolastico a cui stiamo lavorando e che abbiamo già previsto nel Piano nazionale di ripresa e resilienza".