Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, la ricetta di Bassetti: "No restrizioni per chi ha fatto il vaccino"

  • a
  • a
  • a

Una proposta bomba. La fa Matteo Bassetti direttore della clinica malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova. "Possiamo essere ottimisti perché con questo ritmo a settembre ne usciremo.

 

 

La Germania dal prossimo weekend toglierà ai vaccinati quasi tutte le restrizioni e in questo dovremmo prendere esempio da loro. Anche per aiutare la campagna vaccinale, dovremmo dire alla gente che i vaccinati possono tornare alla pseudo-normalità. In tutta Italia sono 21 milioni e non sono tutti anziani. Facciamo tornare loro a una vita pseudo normale, e anche, grazie al green pass, chi ha avuto l’infezione. Facciamo i tamponi, insomma, iniziamo a tornare alla normalità", dice Bassetti intervistato da iNews24.it,

L'esperto continua dicendo che "i dati inglesi che comunque dobbiamo considerare, dicono che non ci sono stati grandi problemi con la somministrazione di Astrazeneca a tutte le fasce di età. Potrebbe avere senso vaccinarci con quelli che già abbiamo in casa, perchè ormai li abbiamo ordinati. Gli effetti rarissimi delle trombosi si sono verificati soprattutto nelle donne al di sotto dei quarant’anni.

 

 

 

 

L’Ema ha raccomandato massima cautela, ma resta una raccomandazione, non un ordine. Si può ragionevolmente pensare di vaccinare con Astrazeneca la fascia di popolazione fino ai cinquant’anni. Significherebbe coprire una fascia di età importante, con un vaccino comodo che si conserva in frigo e che ha dato ottimi risultati di immunizzazione".

Ad iNews24.it, Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova, ha affrontato anche un altro tema, quello relativo alla festa scudetto dell'Inter con gli assembramenti a Milano.

 

"Non so cosa succederà. È un esperimento live che avrei preferito evitare in questo momento, ma vedremo cosa accadrà tra dieci giorni. Se non ci sarà un incremento esponenziale dei contagi tra le trentamila persone che erano lì, vorrà dire che il contagio all’aria aperta non è così facile".