Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Caso Fedez, Capezzone a Quarta Repubblica: "Lui un volpone, polli quelli che ci cascano"

  • a
  • a
  • a

E' ancora il caso Fedez con la polemica del rapper nei confronti dei vertici Rai, accusati di aver censurato il suo discorso in occasione del Concertone del Primo maggio, al centro dell'attualità politica. E così è stato anche nella puntata di lunedì 3 maggio di Quarta Repubblica, il talk show di Rete4 condotto da Nicola Porro: "Fedez ha fatto tante cose che gli vanno riconosciute, ciò detto siamo davanti ad un volpone incredibile e polli quelli che ci cascano", ha commentato Daniele Capezzone, tra gli ospiti in studio. Il giornalista Federico Rampini, di Repubblica ha criticato la sinistra per aver cavalcato il caso: "La sinistra che diventa il partito delle stars non si accorge che perde popolarità - ha spiegato - Sono cittadino di un Paese dove è stato legalizzato il matrimonio gay, e lo considero una conquista di civiltà, ma sono molto perplesso sulla sinistra che tende a diventare il partito delle celebrities".

 

 

Dal canto suo Vladimir Luxuria prova a precisare: "E' più grave che Fedez abbia riferito quelle frasi oppure è più grave che qualcuno le abbia dette? Ci sono esponenti della cultura che decidono di sposare cause civili e ne hanno tutto il diritto", ha affermato l'opinionista. Stefano Zecchi ha pure lui bacchettato il Pd: "C'è una degenerazione antropologica della politica, non accetto che la politica usi Fedez in questo modo. Il Pd ormai è il partito dell'establishment, che stabilisce chi sta bene o chi sta male", ha sottolineato lo scrittore.

 

 

Non è mancato anche l'intervento di Vittorio Sgarbi: "Il tema è difendere ognuno da insulti e discriminazioni ed è cosa giusta. Fedez è andato fuori tema. Perché devo insegnare a scuola a 5 anni che l'omosessualità è come l'eterosessualità? Rischio di orientare", la tesi del critico d'arte. Il giornalista Maurizio Belpietro ha quindi aggiunto: "Se qualcuno incita all'odio va punito, ma io voglio poter continuare a dire che sono contrario all'utero in affitto", ha dichiarato. Insomma, da Fedez al Ddl Zan, la libertà d'opinione è ancora un tema che fa discutere.