Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, folla in centro a Roma e Napoli: assembramenti lungo il litorale romano

  • a
  • a
  • a

Tanta gente in strada nella giornata di oggi, sabato 24 aprile, in centro città a Roma e Napoli. Nonostante l'Italia sia ancora tutta in zona arancione o rossa, molte persone hanno "anticipato" la zona gialla che sarà in vigore solo da lunedì prossimo in 14 tra regioni e province autonome del Paese.

 

Complice anche il beltempo e le temperature primaverili, con punte vicine anche ai 25 gradi al centrosud, tante persone sono andate al mare, affollando spiagge e litorali, come quello romano, con Ostia presa d'assalto. Torna così d'attualità il problema degli assembramenti nei luoghi pubblici, vista la mole di persone scese in strada. A Roma affollati parchi e le principali strade del centro storico. In molti approfittando della giornata di sole hanno scelto i parchi per un giro in bicicletta, una passeggiata o per fare sport. Affollato anche il lungomare di Ostia e le vie dello shopping, in particolare via del Corso. In atto il controlli delle forze delle ordine e della polizia locale. A Napoli le forze dell'ordine hanno impedito l'accesso agli arenili. Il timore è che l'allentamento delle misure in vigore da lunedì, che è già stato in qualche modo "anticipato" nella giornata di oggi, possa far risalire i contagi, qualora le misure di prevenzione e distanziamento sociale non siano osservato scrupolosamente.

 

Quello che va ovviamente scongiurato è una risalita dei contagi, che potrebbe riproporre restrizioni come quelle delle settimane appena trascorse. Attualmente, secondo quanto previsto dall'ultimo decreto Covid, lo stato di emergenza sanitaria resta in vigore fino al 31 luglio, così come il sistema dei colori delle regioni e il coprifuoco dalle ore 22 alle 5. L'esecutivo tuttavia farà dei "tagliandi" a questo misure sulla base dell'evoluzione della pandemia. Dalle autorità sanitarie l'appello è quello di non considerare la fase attuale come un "liberi tutti", ha detto ieri il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro.