Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Green Pass, a cosa serve e come funziona il certificato per spostarsi fra regioni

  • a
  • a
  • a

Green Pass, quasi una parola magica con la quale gli italiani dovranno convivere. Una parola anzi, necessaria in questo momento di riaperture. Green Pass è il certificato verde che è necessario per spostarsi tra regioni. Occorre tenere presenti alcune informazioni fondamentali per poterlo utilizzare e quando a partire da lunedì prossimo.

Dal 26 aprile chi è munito di certificazione verde potrà spostarsi infatti da una Regione all'altra anche se si tratta di zone rosse o arancioni.  Lo prevede il decreto riaperture e si tratta della bozza che è circolata ieri.

 

 

Dal 26 aprile tornano le zone gialle e "chi è munito di certificazione verde potrà spostarsi da una Regione all'altra anche se si tratta di zone rosse o arancioni", precisa Palazzo Chigi mettendo in risalto i tratti caratterizzanti del nuovo Dl con le misure anti Covid, approvato stasera, mercoledì 21 aprile, dal Consiglio dei ministri. La Presidenza del Consiglio precisa che "può avere il certificato verde: chi ha completato il ciclo di vaccinazione (dura sei mesi dal termine del ciclo prescritto); chi si è ammalato di covid ed è guarito (dura sei mesi dal certificato di guarigione); chi ha effettuato test molecolare o test rapido con esito negativo (dura 48 ore dalla data del test)".

 

 

Inoltre, "le certificazioni verdi rilasciate dagli Stati membri dell'Unione sono riconosciute valide in Italia. Quelle di uno Stato terzo se la vaccinazione è riconosciuta come equivalente a quella valida sul territorio nazionale". Green pass quindi, come necessario per gli spostamenti fra regioni e c'è già grande interesse e attenzione (per evitare passi falsi) per conoscere questo strumento del quale si sentirà sempre più dibattere. Soprattutto a partire da lunedì prossimo 26 aprile quando sarà necessario per gli spostamenti. Questa che abbiamo proposto è una breve e succinta guida.