Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Operaio licenziato per commento sulla fiction, Sabrina Ferilli vuole pagare il ricorso

  • a
  • a
  • a

Gesto di solidarietà da parte di Sabrina Ferilli. L'attrice infatti, protagonista della fiction di Canale5 Svegliati amore mio, andata in onda nelle scorse settimane, si è offerta di pagare uno stipendio e le spese legali necessarie a ricorrere contro il licenziamento a Riccardo Cristello, l'operaio tarantino di ArcelorMittal licenziato dopo avere condiviso su Facebook un post in cui invitava a guardare la fiction sceneggiata e diretta da Simona Izzo e Ricky Tognazzi. La fiction narrava tematiche legate all'inquinamento generato da un'azienda, inevitabilmente argomento molto sentito a Taranto tra ex Ilva e ora ArcelorMittal. L'operaio ha rifiutato l'offerta ma ringraziato moltissimo Ferilli per il supporto.

 

 

La serie racconta la storia che si dipana intorno a un’acciaieria (Ghisal) le cui polveri sottili provocano una leucemia alla figlia della protagonista. L’attrice, fa sapere il sindacato, ha deciso di offrire il suo contributo all’operaio colpito da un richiamo disciplinare prima e dopo dal licenziamento. “Ringraziamo Sabrina Ferilli per la sensibilità - ha fatto sapere il sindacato Usb di Taranto a LaPresse attraverso il coordinatore provinciale Francesco Rizzo - l’attrice ha telefonato a Riccardo Cristello dopo aver appreso che il lavoratore dello stabilimento siderurgico di Taranto era stato licenziato”.

 

 

Impiegato come tecnico di magazzino da 21 anni, Riccardo Cristello si era difeso raccontando l’accaduto sempre a LaPresse: “Ho fatto solo copia e incolla di un post su Facebook e per questo sono stato licenziato da ArcelorMittal, dopo un provvedimento disciplinare di sospensione. E questo perché qualche giorno fa ho condiviso sulla pagina Facebook che ho con mia moglie un post scritto da altri con cui si invitava a vedere la fiction Svegliati amore mio in onda su Canale5. Il post - ha affermato il magazziniere - conteneva frasi che facevano riferimento a situazioni di inquinamento ambientale, io abito a Taranto mica a Trento e credo di non essere stato l’unico a condividerlo". Dal canto suo l'azienda ha precisato come il licenziamento sia stato adottato "non per aver commentato la fiction Svegliati amore mio, ma per aver denigrato l'azienda stessa e il suo management". Vedremo le prossime tappe della vicenda.