Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 15.476 nuovi casi e 331 morti: indice di positività sale al 6,2%

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Sono 15.476 i nuovi casi di contagio da Covid registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Sono, invece, 331 i morti. In totale i casi da inizio epidemia sono 3.769.814, i morti 114.254. L'indice di positività dato dal rapporto tra nuovi casi di contagio e test processati nelle ultime 24 ore in Italia è salito al 6,2%. Questo quanto emerso dai dati del ministero della Salute diffusi nella giornata di domenica 11 aprile. Il dato è in aumento rispetto a sabato 10 aprile quando il tasso si è attestato al 5,2%.

 

 

Sono stati 253.100 i tamponi effettuati, tra test antigenici e molecolari processati in Italia nelle ultime 24 ore. Gli attualmente positivi sono 533.005 (80 in meno rispetto a sabato 10) mentre i guariti e dimessi dall'inizio della pandemia sono 3.122.555, con un incremento rispetto al giorno precedente di 15.486. Sono inoltre salite a 12.920.208 le vaccinazioni contro il Covid 19 somministrate in Italia, secondo il report, aggiornato alle 16.05 di domenica 11 aprile, a cura del ministero della Salute. In aumento poi i ricoveri in terapia intensiva: sono 27 in più i pazienti in area critica nelle ultime 24 ore in Italia. Il totale dei ricoveri in intensiva è di 3.585. Sono, invece, 316 in meno i ricoveri in area non critica. Il totale dei ricoverati è di 27.251. 

 

 

Intanto il ministro del turismo Massimo Garavaglia si è espresso sulle possibili riaperture: "Per la riapertura del turismo in Italia abbiamo detto il 2 giugno per fare un po' come la Francia con il 14 luglio. Ci auguriamo che sia il 2 giugno, la nostra festa. Non è che poi apri le singole attività, l’auspicio è avere l’estate libera", ha affermato Garavaglia arrivando alla scuola politica della Lega, per le giornate della formazione. "Poi di settimana in settimana si valutano le opportunità e si iniziano ad aprire i diversi settori - ha aggiunto -, dalle fiere alle spiagge, compatibilmente con l’aumento delle vaccinazioni".