Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Polizia, oggi il 169esimo anniversario della fondazione. I messaggi di Mattarella e Lamorgese

  • a
  • a
  • a

Oggi, sabato 10 aprile, ricorre il 169esimo anniversario della fondazione della polizia. Un anniversario ricordato il 10 aprile, giorno in cui nel 1981 è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale la legge 121. Nella mattinata di ieri il capo della polizia e direttore generale della pubblica sicurezza, Prefetto Lamberto Giannini, è stato ricevuto a palazzo del Quirinale dal Presidente della Repubblica, accompagnato dai vice capi della polizia, dai direttori centrali del dipartimento della pubblica sicurezza e da una rappresentanza del personale. Proprio per suggellare questo anniversario il servizio di guardia d’onore al Palazzo del Quirinale oggi è affidato al Reparto a cavallo della polizia che per l’occasione indosserà l’uniforme storico risorgimentale (come mostrato nel video di seguito, tratto dall'account della polizia).

 

I messaggi di Mattarella e Lamorgese "Desidero esprimere a tutti gli appartenenti alla polizia di Stato i sentimenti di gratitudine e di riconoscenza dell’intero Paese per l’opera svolta a presidio delle libertà democratiche e della legalità, da ultimo nel delicato contesto dell’emergenza sanitaria. In questi mesi il Corpo, attingendo alla ricchezza del patrimonio professionale e umano, ha offerto in molteplici modi un importante contributo all’impegno della comunità nazionale nell’affrontare una sfida inedita e complessa, che richiede unità e coesione. Le donne e gli uomini della Polizia di Stato hanno assicurato la vicinanza dello Stato ai cittadini nei momenti di difficoltà e disorientamento anche con iniziative di informazione e di sensibilizzazione della popolazione, come pure mediante concreti gesti di solidarietà", ha detto il capo dello Stato.

 

"L’azione della polizia, nel difficile momento che stiamo vivendo, si è contraddistinta per la capacità di affrontare, con il consueto senso di responsabilità e di equilibrio, una nuova e inedita sfida connessa a una crisi sanitaria mondiale senza precedenti.La vocazione alla prossimità con i territori e con le persone, il saper essere presente tra la gente per coglierne le necessità e anticipare i segnali di possibili criticità sono tutti tratti distintivi di un Corpo che presta costante attenzione alle comunità, con l’obiettivo di consolidare quel rapporto di fiducia che favorisce una collaborazione proattiva della cittadinanza nella costruzione di una società più sicura", questo uno dei passaggi più importanti della nota del ministro dell'Interno.