Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, in Italia indice Rt in calo a 0,98. Aumenta il tasso di occupazione delle terapia intensive

  • a
  • a
  • a

L'indice Rt in Italia scende a 0.98, sotto la soglia di allerta di 1. La scorsa settimana, invece, era a 1.08 (rispetto all'1,16 di quella ancora precedente). In calo pure l’incidenza dei contagi da Covid-19 che passa da 240 a 232 casi su 100mila abitanti. Aumenta ancora, invece, il tasso di occupazione delle terapie intensive, che è sopra la soglia critica del 40 per cento in ben 14 regioni.

 

Sono questi i primi dati che emergono dalla riunione della cabina di regia, durante la quale è stato illustrato il monitoraggio effettuato - come sempre - dall'Istituto superiore di sanità nella settimana appena trascorsa. E' stato inoltre evidenziato come siano aumentati i casi frutto dell'attività di tracciamento, un elemento molto importante perché consente una mappatura più precisa dei contatti delle persone positive al virus e, quindi, un'indagine più mirata per risalire ai possibili contagiati. "L’incidenza dei casi , comunque, resta elevata e ancora lontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti", sottolineano gli esperti della cabina di regia. Intanto sono arrivate all'aeroporto militare di Pratica di Mare altre 1,3 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca che saranno distribuite alle regioni a partire dalle ore 13.30, così da continuare la campagna vaccinale anche in questi giorni.

 

Ieri c'è stato il record giornaliero di somministrazioni a livello nazionale con 282 mila dosi. Ma è ancora lontano l'obiettivo delle 500 mila dosi giornaliere che l'esecutivo vuole raggiungere entro il mese di aprile per aumentare il livello di immunizzazione della popolazione e favorire così l'allentamento delle misure restrittive, necessari per far ripartire l'economia e la vita sociale del Paese. Intanto dal 3 al 5 aprile tutta l'Italia sarà in zona rossa, proprio per evitare una ripresa dei contagi in concomitanza con le festività pasquali.