Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, ex dirigente Ema ad Agorà: "Il vaccino protegge per due anni" | Video

  • a
  • a
  • a

L'ex dirigente dell'Ema, Guido Rasi, si è espresso sul vaccino anti Covid, nel corso della puntata di Agorà su Rai3 in onda martedì 30 marzo. "Non ho mai fatto previsioni, ma da immunologo azzardo l’unica, che spero di non sbagliare: secondo me l’immunità conferita dai vaccini anti Covid dura un paio d’anni. Ma sono l’unico a dirlo, quindi spero di non pentirmi - ha spiegato l'ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco Ema e docente di microbiologia all’università di Roma Tor Vergata -.La differenza tra vaccini non è nota", ha quindi sottolineato l'esperto, precisando che sulle stime relative alla durata dello scudo vaccinale si prosegue di mese in mese: "Ad aprile dell’anno scorso abbiamo avuto i primi vaccinati" negli studi clinici, ricorda Rasi, e ora "siamo arrivati a un anno. Ogni mese ne aggiungiamo uno e speriamo di continuare così", ha concluso.

 

 

Poi Rasi è passato ad analizzare un altro aspetto legato alle vaccinazioni: "C’è un primo dato molto importante sulla capacità dei vaccini anti Covid di proteggere non solo dalla malattia, ma anche dal rischio di trasmettere l’infezione. Arriva dal primo studio fatto bene, nel mondo reale, dagli Stati Uniti sul personale sanitario. Sono buonissime notizie, perché nel 90% il vaccinato non infetta. E se infetta - ha aggiunto - avendo una carica virale molto molto bassa, dà un’infezione lieve e quasi sempre asintomatica". 

 

 

Sullo Sputnik: "La differenza del vaccino J&J è che è monodose e non necessita di temperatura basse. Non si può non aspettare l’autorizzazione dell’Ema per Sputnik - ha evidenziato -. Ci sono regole importanti: l’Ema deve lavorare bene e deve essere lasciata in pace". "Il vaccino russo anti Covid Sputnik V sarà autorizzato in Ue - ha ribadito Rasi -. Però io credo che per autorizzarlo ci vorranno un paio di mesi, se va bene. Quindi probabilmente non ne avremo bisogno".