Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Burioni: "I vaccinati avranno estate diversa: viaggi e vacanze in tranquillità"

Il virologo Burioni

  • a
  • a
  • a

Il virologo Roberto Burioni prevede un'estate più tranquilla su fronte dei rischi dovuti all'epidemia da Covid-19, soprattutto grazie al numero dei vaccinati in costante crescita. "I vaccinati sono protetti e quasi certamente poco contagiosi. La loro estate 2021 sarà molto diversa da quella dei non vaccinati: potranno certamente fare viaggi e godersi la vacanza con maggiore tranquillità. Per evitare questa ingiustizia c’è un solo modo: vaccinare tutti", sollecita nuovamente in un tweet  il virologo, ospite fisso degli studi di Che tempo che fa, in onda ogni domenica sera su Rai 3 con la conduzione di Fabio Fazio.

 

Proprio sul fronte della campagna vaccinale, questa mattina il commissario straordinario all'emergenza sanitaria, generale Figliuolo, ha dichiarato che "la prossima settimana sono in arrivo 2,8 milioni di dosi di vaccino" e che "la campagna sta proseguendo secondo i piani", evidenziando anche l'assenza di "disparità tra le regioni". Nei giorni scorsi proprio figliuolo aveva inviato una task force di medici in Basilicata e Molise per accelerare la campagna e raggiungere le località più isolate e meno inserite nella rete dei presidi sanitari territoriali. Il ministro della salute, Roberto Speranza, ha reso noto come "attualmente stiamo somministrando 250 mila dosi di vaccino al giorno", ribadendo l'impegno del governo presieduto da Mario Draghi di "arrivare a garantire 500 mila dosi al giorno a partire da metà aprile", con il fine ultimo di arrivare a 9 milioni di vaccinati entro il 30 aprile.

 

Una data, quest'ultima, che coincide anche con la serie di norme restrittive previste finora dall'esecutivo, che ha disposto il mantenimento delle sole zone arancioni e rosse in tutta Italia fino a fine mese, anche in presenza di numeri di contagi e morti che permetterebbero un ritorno in zona gialla o bianca. Un alinea "rigorista", che contrasta con le richieste del leader della Lega, Matteo Salvini, e di alcuni governatori di centrodestra.