Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 279.000 dosi di Astrazeneca in arrivo per la prossima settimana: recuperato il carico sospeso

  • a
  • a
  • a

Più dosi di Astrazeneca per la prossima settimana. Secondo quanto si apprende dalla struttura del commissario straordinario per l’emergenza Covid 19 Francesco Figliuolo, in seguito alla sospensione di Astrazeneca avvenuta questa settimana, il carico di 134mila dosi previsto non è arrivato e verrà recuperato la prossima settimana. Il 24 marzo arriveranno quindi 279mila dosi, 134mila più le 145mila programmate. Lo stesso Figliuolo e il capo della protezione civile, Curcio, si vaccineranno con Astrazeneca nella mattinata di sabato 20 marzo.

 

 

Intanto sempre a proposito di vaccini è intervenuto il vicepresidente della Commissione europea, Frans Timmermans, in una intervista a Repubblica: "Non penso che sarà necessario, ma se saremo costretti a farlo lo faremo - ha risposto alla domanda se sia favorevole a sequestrare i vaccini alle aziende che come Astrazeneca non rispettano le consegne -. In situazioni di crisi assolute come quella attuale si commettono dappertutto errori e c’è sempre spazio per imparare e migliorare. Ora la priorità assoluta è far arrivare più velocemente possibile i vaccini alla popolazione. Dopo analizzeremo che cosa è successo, che cosa abbiamo fatto noi, i governi e l’industria. A ogni modo la scelta di procedere con i contratti europei è stata giusta, altrimenti oggi i partner Ue meno forti non avrebbero fiale". Timmermans sulla lettera di messa in mora inviata dalla Commissione ad Astrazeneca ed eventuali azioni legali ha poi detto: "Aspettiamo di vedere che cosa succede. Se non rispettano gli impegni previsti dal contratto dobbiamo agire ed è esattamente quello che stiamo facendo - ha affermato -. Sequestrare le fiale delle aziende che non rispettano i contratti, come Astrazeneca, attivando l’articolo 122 del Trattato, sarebbe un nostro diritto, tutti gli strumenti sono sul tavolo ma il lavoro del mio collega Thierry Breton sta andando molto bene e vedo un cambiamento da parte dell’industria quindi non penso che sarà necessario. In caso contrario, se costretti a farlo, lo faremo".