Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, nuove regioni a rischio zona rossa: in bilico Toscana, Calabria e Valle d'Aosta

  • a
  • a
  • a

Covid, nuove regioni a rischio di diventare "zona rossa" da lunedì 22 marzo. In bilico, infatti, ci sono Toscana, Calabria e Valle d'Aosta. Il verdetto arriverà di fatto già nel pomeriggio di oggi, quando l'Istituto superiore di sanità (Iss) divulgherà i dati del consueto monitoraggio settimanale, relativo al periodo tra l'8 e il 14 marzo.

 

Secondo l'ultimo Dpcm del neo premier Draghi, in zona rossa si entra automaticamente con indice Rt a 1.25 o al raggiungimento dei 250 contagi ogni 100 mila abitanti. L'unica regioni a sperare in un allentamento delle misure è il Molise, mentre per tutte quelle entrate in "rosso" da lunedì scorso, le misure restrittive attuali rimarranno in vigore fino a lunedì 29 marzo, dal momento che il loro ritorno in zona arancione non può avvenire meno di due settimane dall'inasprimento delle limitazioni.

 

Il quadro che uscirà dal report di oggi sarà decisivo anche per capire meglio che tipo di Pasqua sarà per gli italiani, al di là dei tre giorni che a livello nazionale saranno in zona rossa, ossia da sabato 3 a lunedì 5 aprile, proprio per evitare comportamento impropri nel triduo pasquale. Oggi pomeriggio, inoltre, riprenderà anche la campagna vaccinale con il siero AstraZeneca, dopo il via libera accordato dall'agenzia europea del farmaco (Ema) a seguito della sospensione delle somministrazioni del vaccino dell'azienda anglo-svedese. Una scelta determinata dal presunto nesso tra la somministrazione della prima dose del vaccino e alcune morti avvenute in tutta Europa, su cui le autorità sanitarie (e, in alcuni casi, anche quelle giudiziarie) hanno voluto far luce. Allo stato attuale, tuttavia, sono stati esclusi effetti diretti tra l'iniezione del vaccino e i decessi, anche se sono in corso studi sui vari effetti del vaccino e la stessa azienda ha dovuto aggiornare il foglietto illustrativo del siero. Il via libera dell'Aifa arriverà intorno alle 15 di oggi e il premier Mario Draghi ha già annunciato l'immediata ripresa della campagna.