Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Festa del papà, la ricorrenza del 19 marzo in onore di San Giuseppe

  • a
  • a
  • a

Oggi, venerdì 19 marzo, in Italia si celebra la festa del papà, ricorrenza che ricade nel giorno dedicato a San Giuseppe. Si tratta di una ricorrenza civile, celebrata in onore della figura del padre, della paternità e dell'influenza sociale dei padri. In altri Paesi d'Europa si celebra in altri giorni dell'anno, legati a tradizioni o santi diversi. In Italia la sua origine trova fondamento nel 1871, quando la Chiesa proclamò San Giuseppe "protettore dei padri di famiglia e patrono della Chiesa universale".

 

Anche se poi la prima festa civile in tal senso si ebbe negli Stati Uniti, in West Virginia, nel 1908. Nel tempo questa ricorrenza è divenuta patrimonio stabile della cultura e della tradizione nostrana e si festeggia anche con la produzione di dolci tipici, come i cosiddetti bignè di San Giuseppe a Roma o le zeppole a Napoli; in Umbria e Toscana sono molto diffuse anche le frittelle di riso in occasione di questa ricorrenza. Venendo allìaspetto più prettamente religioso, legato al santo del giorno, il Vangelo chiama Giuseppe uomo giusto, come erano stati chiamati gli antichi patriarchi d’Israele.

 

Nel linguaggio divenuto ormai tradizionale Giuseppe è chiamato padre putativo. Se da una parte questo titolo salvaguarda il concepimento verginale del Cristo, dall’altra non esprime pienamente il rapporto di paternità esistente tra Giuseppe e il Salvatore. Pio XII lo propone anche come esempio a tutti gli operai e fissa al primo maggio la festa di san Giuseppe lavoratore, che "nobilitò l’umana fatica, sorretto e allietato dalla convivenza di Gesù e Maria» ed «esercitando la sua arte con impegno e virtù mirabile, divenne maestro di lavoro a Cristo Signore che non disdegnò di essere detto figlio del carpentiere".