Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Astrazeneca, via libera dell'Ema: "Il vaccino è sicuro ed efficace"

  • a
  • a
  • a

Astrazeneca, l'Ema dà il via libera al vaccino: "E' sicuro ed efficace" contro il Covid. L'ok dell'agenzia europea del farmaco è arrivato durante una conferenza stampa, iniziata alle 17 di oggi, da parte di Emer Cooke, il direttore dell'Agenzia europea dei medicinali, che ha confermato il via libera al farmaco di Oxford dopo lo stop “precauzionale e temporaneo” imposto in gran parte del vecchio continente.

 

"Non c'è nessuna associazione con eventi di trombosi e coaguli di sangue", ha proseguito Cooke, evidenziando anche come i benefici superano i rischi, anche se "non si esclude correlazione con eventi avversi rari e spiega che ci saranno degli approfondimenti ad hoc". Il verdetto era molto atteso in tutta Europa, dove diversi Paesi avevano fermato la somministrazione delle dosi di vaccino a causa dei casi di morte o di altri effetti collaterali riscontrati in diverse persone in tutto il continente. Una dinamica che ha alimentato anche paura e scetticismo nella popolazione, con numerose "diserzioni" di persone chiamate ad essere vaccinate. In Italia, tuttavia, malgrado alcune indagini avviate da diverse procura, tra cui quelle di Catania e Palermo, il nesso causale tra decessi e somministrazione del vaccino non è stato provato da alcuna autopsia o altro esame, malgrado si trattasse di soggetti abbastanza giovani (tutti effettivi delle forze dell'ordine).

 

I casi di trombosi dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca "sono inferiori" a quelli che avvengono tra la popolazione non vaccinata, ha detto Sabien Straus, presidente del Prac (Commissione di farmacovigilanza) , nella conferenza stampa dell'Ema. "Vogliamo inviare una lettera ad AstraZeneca, che ci permette di avviare un dialogo con l'azienda nel quadro della risoluzione dei conflitti, la lettera è in preparazione", ha aggiunto un portavoce della Commissione Ue, durante la conferenza stampa, precisando che la lettera è in preparazione, e che Bruxelles sta consultando gli Stati membri per poterla inviare rapidamente.