Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, chiusure nei weekend e nuove misure restrittive: il premier Draghi rinvia la decisione

  • a
  • a
  • a

Covid, ancora nessuna decisione da parte del premier, Mario Draghi, sulle possibili nuove misure restrittive - tra tutte la chiusura nei weekend come nel periodo natalizio - al termine della riunione della cabina di regia che è iniziata intorno alle 17.15. A Palazzo Chigi il premier ha valutato la situazione epidemiologica del Covid, con il bollettino di oggi che segna 22.409 casi e 332 vittime, ma attende di analizzare nuovi dati che dovrebbero arrivare già questa sera.

 

Sulla stretta nei weekend, che potrebbe essere estesa a tutta Italia, "stiamo ancora valutando, anche perché alcuni dati sono attesi nelle prossime ore", spiega una fonte presente al tavolo di confronto, riportata dall'agenzia di stampa AdnKronos. Difficile, dunque, che una decisione venga assunta già in giornata. Possibile, a questo punto, che la decisione arrivi nella giornata di domani. Un’ora e mezzo di dibattito, presenti anche il numero uno dell’Iss Silvio Brusaferro e il presidente del Css Franco Locatelli, non sono stati sufficienti a decidere su nuove restrizioni, poiché sul tavolo sono attesi nuovi dati, anche sull’andamento delle varianti.

 

Con ogni probabilità una decisione sulla stretta, che ormai appare inevitabile, come detto, verrà assunta nella giornata di domani. Fonti presenti al tavolo assicurano che il clima è stato sereno, sono state fatte valutazioni sulla situazione, compresa la corsa dei contagi, e fatto il punto sulle proposte avanzate dal Cts. Cts che, come noto, esclude un lockdown totale ma è sostanzialmente favorevole a un giro di vite nei weekend in tutta Italia per arginare il numero in salita dei contagi. Intanto è previsto un consiglio dei ministri domani in mattinata, alle 11,, una riunione in cui non si esclude venga trattato anche il tema della nuova stretta da adottare. Intanto un recente studio evidenzia come la variante inglese sia fino a due volte più letale rispetto al ceppo tradizionale del virus.