Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, premier Draghi a confronto con la cabina di regia sul parere del Cts

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Covid, si è aperto l'incontro in programma a Palazzo Chigi per un primo esame sul recente parere del Comitato tecnico scientifico (Cts) in merito alle nuove misure di contrasto alla pandemia. Al summit partecipano il premier del consiglio Mario Draghi, il sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli, il ministro degli Affari regionali Mariastella Gelmini, il ministro della Cultura Dario Franceschini, il ministro per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, il ministro della Salute Roberto Speranza, il ministro dell’Economia e delle finanze Daniele Franco, il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli, il Segretario generale di Palazzo Chigi Roberto Chieppa, il Capo di Gabinetto Antonio Funiciello, il presidente dell’Istituto superiore di Sanità Silvio Brusaferro e il direttore del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli.

 

Secondo le prime indiscrezioni, tra le misure richieste dagli scienziati ci sarebbero i ristoranti chiusi a pranzo e l'anticipo del coprifuoco di due o tre ore nelle zone gialle. Una stretta che si andrà a sommare all’inserimento del parametro dei 250 casi per 100 mila abitanti - facilitando così l’ingresso delle Regioni in zona rossa - e all’ipotesi di adottare in tutta Italia le massime restrizioni nei weekend. La velocità con cui si stanno diffondendo le varianti del Coronavirus preoccupa tutto l’esecutivo, dentro il quale ci sono comunque due anime: una più rigorista rappresentata da Roberto Speranza, un’altra più aperturista in cui si riflettono le posizioni di Forza Italia e Lega.

 

In questa partita - anche a fronte delle pressioni di oggi di Matteo Salvini, che ha tuonato contro le chiusure nei weekend, rilanciando la necessità di "interventi mirati, senza chiudere tutto" - spetterà a Gelmini e Giorgetti mitigare le proposte del Cts. La sintesi come sempre sarà fatta da Mario Draghi, che analizzerà con cura i dati da cui dipenderanno il peso delle misure che saranno inserite per modificare il decreto.