Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, a Varese scoperta rarissima variante: finora un solo caso in Thailandia

  • a
  • a
  • a

Identificata aVarese una rarissima variante Covid descritta in un solo altro caso al mondo. Che ci fosse qualcosa di diverso in uno dei tantissimi tamponi analizzati ogni giorno a Varese, l’equipe del laboratorio di microbiologia dell’Asst Sette Laghi, guidati da Fabrizio Maggi, lo hanno notato subito. Il sequenziamento dell’intera proteina spike, quella parte del Sars Cov-2 che prende contatto con le cellule da invadere, ha rivelato infatti una struttura molecolare unica, diversa da tutte le altre, anche da quella delle altre varianti già individuate a Varese nelle settimane scorse, in alcuni casi per la prima volta in Italia.

 

 

Maggi, che è anche titolare della cattedra di Microbiologia dell’Università dell’Insubria, e la sua equipe hanno studiato questa sequenza e formulato un’ipotesi. Ipotesi poi confermata dai colleghi del San Raffaele di Milano che, in tempi brevi, hanno amplificato e ricostruito l’intero genoma del virus: quella identificata nel Laboratorio dell’Asst Sette Laghi è "una variante del virus riscontrata solo un’altra volta nel mondo, in un luogo molto lontano dall’Italia, in Thailandia, isolata in un viaggiatore di ritorno dall’Egitto".

 

 

La rarissima variante Covid "non deve preoccupare, è una delle tante e ne vedremo di tutti i colori. Facciamo bene a cercale e a tenere tracciata questa situazione però dobbiamo continuare a farlo senza preoccupazioni o timori" afferma all’Adnkronos Salute il virologo Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’ospedale San Raffaele di Milano, docente all’università Vita-Salute. Il team di Clementi ha collaborato con il Laboratorio di Microbiologia dell’Asst Sette Laghi di Varese che ha scoperto la rara variante Covid. "Quella scoperta a Varese è una delle tre varianti che sono emerse negli ultimi tempi e in qualche modo rappresenta la minoranza visto che ormai in Italia è predominate quella inglese. Il virus troverà sempre meno spazi per replicarsi perché, al contrario dei mesi passati, sta crescendo la popolazione con anticorpi, perché colpita dalla malattia, e stanno aumentando i vaccinati" ha spiegato Clementi.