Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, colori regioni: oggi le nuove zone. Due verso il rosso, almeno quattro in arancione

  • a
  • a
  • a

Oggi l'Istituto superiore della sanità (ISS), al termine del monitoraggio settimanale, si pronuncerà sui nuovi colori delle regioni. Quattro potrebbero diventare arancioni e due rischiano il rosso. Le nuove zone di colore e conseguenti restrizioni scatteranno da lunedì.

Secondo le indiscrezioni a cui fa riferimento Repubblica, i dati che stanno emergendo nelle ultime ore spingerebbero Campania e Abruzzo in rosso raggiungendo così Basilicata e Molise. In arancione invece dovrebbe finire Veneto, Friuli Venezia Giulia, Puglia e Calabria, che andrebbero ad aggiungersi a Lombardia, Piemone, Emilia Romagna (che secondo il Corriere della Sera rischia il passaggio in rosso), Umbria e Toscana (dove si registra record di ricoveri all'ospedale di Siena). Nelle Marche il governatore colora di rosso le province di Macerata e Ancona. Resterebbero dunque in giallo Valle d'Aosta, Liguria, Lazio e Sicilia, mentre sempre in bianco la Sardegna (con la presenza però di un'area rossa nell'Isola della Maddalena). Da parte dei tecnici c'è una forte preoccupazione che riguarda in particolare la circolazione della variante inglese (stimata al 54% tra i positivi al Covid) oltre che il continuo incremento dei contagi (ieri quasi 21mila). Dopo un periodo di apparente calma piatta, la curva dell’epidemia quindi è tornata salire: in una settimana (24 febbraio al 2 marzo) i contagi sono aumentati del 33% certifica la Fondazione Gimbe. "È l’inizio della terza ondata  che trova la strada spianata. Le zone rosse vengono decise troppo tardi e la campagna vaccinale fatica a decollare" afferma il presidente Nino Cartabellotta.

Intanto durante la riunione tra Governo, Regioni ed enti locali sul piano vaccini anti-Covid, a quanto si apprende, il ministro della Salute Roberto Speranza ha iniziato il suo intervento esponendo "i numeri della campagna vaccinale degli ultimi giorni, con oltre 180mila dosi somministrate ieri e la soglia delle 5 milioni di somministrazioni che sarà raggiunta oggi".