Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Bertolaso: "Un'app per vaccinare 150mila lombardi al giorno"

  • a
  • a
  • a

Una app per semplificare la campagna di vaccinazione con l'obiettivo di procedere con un ritmo di circa 150mila persone da vaccinare ogni giorno. Questo è l'obiettivo di Guido Bertolaso. "Nella peggiore delle ipotesi ad aprile avremo 5 vaccini diversi, più che sufficienti per fare quello che il governo ha detto, ma abbiamo un problema di burocrazia. Ho qui undici pagine che un cittadino italiano deve compilare per vaccinarsi. Dobbiamo digitalizzare tutto. Noi avremo entro fine mese una app che permetterà a tutti i lombardi di fare le prenotazioni e fornire il consenso. Metteremo tutto in un modello informatico per vaccinare 145 o 150mila lombardi al giorno" ha detto il consulente della Regione Lombardia per la campagna vaccinale, a Quarta Repubblica, in onda su Rete4.

 

 

Punzecchiato su una possibile candidatura a sindaco di Roma, Bertolaso ha così spiegato: "Sono in Lombardia come volontario consulente del governatore Fontana. Non faccio campagna elettorale con il lavoro che sto facendo. Purtroppo, anche con rammarico, visto che sto facendo questo mestiere non posso fare campagna elettorale per fare il sindaco di Roma, dovranno trovarne un altro" sempre su Rete4. "L’idea di Roma è stata una suggestione dello scorso autunno, quando mi hanno chiamato Moratti e Fontana a fine gennaio per dare una mano ho detto 'Guardate che c’è qualcuno che mi vuole candidare a fare il sindaco di Roma, parlateci perché se lavoro in Lombardia non potrò essere candidato a Roma'..." ha svelato.

"Una politica vera e propria di fatto non c’era sul piano nazionale, l’unica che abbiamo visto era quella di chiudere tutto. Sulle vaccinazioni ogni regione le ha portate avanti come meglio pensava" ha aggiunto. Per Bertolaso, occorre "fare le prime dosi senza preoccuparsi del richiamo, mi pare lo abbia detto anche il presidente del Consiglio". "L’obiettivo non è quello di eliminare il Covid dal mondo, ma è ridurre le ospedalizzazioni" ha concluso.