Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, vaccino: Novartis pronto a produrlo in Italia. Da Pfizer in arrivo 40 milioni di dosi

  • a
  • a
  • a

Passi in avanti sul fronte della produzione e delle forniture del vaccino anti Covid. Pasquale Frega, country president di Novartis in Italia e Ad di Novartis Farma, mette a disposizione del governo lo stabilimento di Torre Annunziata del colosso farmaceutico svizzero per produrre i vaccini anti-Covid. "Entro i prossimi 4 anni abbiamo programmato di investire nel sito oltre 20 milioni per aumentare la sua capacità produttiva. Nel caso fossimo scelti dal governo, gli investimenti saranno aumentati", ha aggiunto. "Siamo il primo produttore europeo di farmaci e li esportiamo in tutto il mondo realizzando un giro di affari di 35 miliardi. Abbiamo una ottima base di partenza per produrre 
vaccini anche in Italia. Si tratterebbe di un’operazione intelligente per preparare il nostro Paese all’eventualità in cui i vaccini dovranno essere utilizzati e distribuiti in modo autonomo ogni anno per un certo numero di anni a tutti i cittadini o a una parte di loro", ha spiegato in un'intervista a Repubblica.

 

Intanto Pfizer ha annunciato l'arrivo di 40 milioni di dosi per l'Italia. "Oltre alle 300 milioni di dosi previste entro l’anno ne arriveranno altre 200 milioni, con una stima di 75 milioni nel secondo trimestre, per un totale di 500 milioni entro fine 2021 e un’opzione per arrivare a 600 milioni", ha spiegato Paivi Kerkola, ad Pfizer Italia. "Pfizer e BioNTech lavorano incessantemente per fornire al mondo due miliardi di dosi entro il 2021. Il nostro stabilimento a Puurs in Belgio è stato ampliato e la produzione è più veloce. Consegneremo i vaccini previsti nel primo trimestre e molti di più nel secondo", ha spiegato in un'intervista a La Stampa.

 

Intanto nel nostro paese sono state superate le 4 milioni di dosi di vaccino già somministrate a partire dal 27 dicembre. L'obiettivo iniziale del governo Conte era di arrivare a 7 milioni entro fine marzo.