Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Italia, il bollettino di oggi 25 febbraio: 19.886 nuovi casi e 308 morti. Record di tamponi

  • a
  • a
  • a

Covid in Italia, il bollettino di oggi - giovedì 25 febbraio - riferisce di 19.886 nuovi casi di contagio e 308 morti. I tamponi effettuati sono stati 443.704, mai così tanti, con un indice di positività che si attesta al 4,5 per cento. I ricoveri in terapia intensiva salgono di 11 unità, arrivando così a 2.168. Sono saliti a 2.868.453 i contagi totali in Italia dall'inizio della pandemia. E' quanto emerge dai dati diffusi quotidianamente dal ministero della salute, relativi al report delle ultime 24 ore.

 

Una situazione molto delicata quella del nostro Paese, alle prese con la diffusione delle varianti del virus - quella inglese sarebbe responsabile già di quasi un quinto dei casi - e con i limiti di una campagna vaccinale che stenta ancora a decollare. Con l'obiettivo iniziale dei 7 milioni di vaccinati entro fine marzo che sembra ormai difficile da raggiungere, anche per la riduzione delle dosi di siero fornite dai produttori. In Italia, peraltro, è accertata anche la diffusione della variante brasiliana e si registrano anche casi di quella sudafricana. Contestualmente il governo è alle prese con le nuove misure da adottare: il blocco degli spostamenti tra regioni è stato esteso, come noto, al 27 marzo (salvo comprovati motivi di salute, necessità e lavoro, da produrre attraverso autocertificazione); le visite a parenti e amici sono state vietate nelle zone "arancione rafforzato" e "rosse", mentre le misure restrittive che sostituiranno quelle previste dall'ultimo Dpcm di Giuseppe Conte (datato 14 gennaio), entreranno in vigore dal 6 marzo fino al 6 aprile.

 

Ed è proprio su questo lasso temporale che si è acceso lo scontro politico tra il leader della Lega, Matteo Salvini, favorevole ad un allentamento delle misure, soprattutto per alcune categorie economiche e produttive, e il segretario Pd Nicola Zingaretti che invita a mettere la salute al primo posto e non fare politica su questo tema.