Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, l'allarme di Guerra: "Vaccinare in massa dove dilagano le varianti, altrimenti terza ondata inevitabile"

  • a
  • a
  • a

"Abbiamo poche settimane per fermare la terza ondata" di Covid in Italia, che potrebbe arrivare "già a marzo". Per questo "sostengo la necessità di un cambio di marcia nella somministrazione dei vaccini, necessario per la maggiore aggressività delle varianti del virus in alcune zone". Lo spiega in un’intervista a Il Mattino Ranieri Guerra, direttore vicario dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che propone un’integrazione del piano di profilassi nazionale e ha inviato le sue osservazioni al commissario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri e al ministro della Salute Roberto Speranza. L’idea è quella di una "vaccinazione generale nelle aree dove si sono accesi focolai di contagio intensi" legati alle varianti di Sars-CoV-2, "come l’Abruzzo, la provincia di Perugia, il Trentino Alto Adige".

 

 

"Una somministrazione di massa, senza limitazioni di età o di attività lavorative". "Le varianti sono ancora sensibili al vaccino, che al momento resta efficace", sottolinea Guerra. Ma "il pericolo è che, se le varianti dovessero ancora di più diffondersi, il virus potrebbe reagire al vaccino rendendolo vano". Ma come attuare un’immunizzazione così estesa se le dosi a disposizione sono limitate? Per il dirigente Oms "è praticabile utilizzando il 10-20% dei residui di dosi disponibili. Credo che si debbano utilizzare, in modo intenso, le prossime 3 settimane". Guerra esorta a "concentrare i residui disponibili nelle zone catalogate rosse per l’elevata aggressività del virus. Dobbiamo arrestare la pericolosità delle varianti", insiste.