Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palermo, uccide la moglie cantante per gelosia poi va dai carabinieri a confessare

Salvata da un carabiniere

  • a
  • a
  • a

 E' stato arrestato Salvatore Baglione, 37 anni, che nel pomeriggio di oggi domenica 7 febbraio 2021 ha confessato di avere ucciso a coltellate sua moglie, Piera Napoli, 32 anni, cantante neomelodica. L'accusa è quella di omicidio aggravato ed è stato trasferito nel carcere Pagliarelli di Palermo. Prima di uccidere la moglie, l'uomo ha portato i tre figli che aveva insieme alla donna dai nonni, per poi tornare in casa e compiere l’omicidio. 

 

 

Secondo la ricostruzione, l'uomo ha ucciso la donna nel bagno di casa colpita da diverse coltellate, una alla gola, un’altra al torace, altre a braccia e gambe inferte con un coltello da cucina che l’assassino, il marito reo confesso, ha lasciato nell’appartamento di via Vanvitelli, nel popolare quartiere Cruillas nella periferia di Palermo. Pietra era mamma di  tre maschietti in tenera età e cantante neomelodica. Salvatore Baglione nel tardo pomeriggio ha confessato di aver ucciso la moglie, durante l’interrogatorio davanti a magistrato e carabinieri. Un amore che si sarebbe trasformato in gelosia morbosa e senso del possesso. L'uomo, dipendente di un grossista di carni,  intorno alle 12:40 si è presentato spontaneamente alla stazione dei carabinieri dell’Uditore.

 

 

 

Ai militari ha detto che nel bagno di casa c’era la moglie morta in un lago di sangue, confessando a caldo di averla uccisa. Parole ribadite in serata davanti al magistrato di turno Federica Paiola e al comandante della compagnia San Lorenzo dei carabinieri Simone Calabrò e su cui gli investigatori stanno vagliando ogni aspetto. Secondo una prima ricostruzione, questa mattina Baglione avrebbe portato i tre figli dai suoi genitori e sarebbe poi tornato a casa dove subito sarebbe scoppiata l’ennesima lite con la moglie per questioni di gelosia. Discussioni che negli ultimi tempi sfociavano presto in aggressioni prima verbali e poi fisiche, tanto che Pietra Napoli un mese fa aveva chiamato la polizia, terrorizzata dalla violenza del marito. Non lo aveva però denunciato per averla picchiata, non voleva rovinare la vita al padre dei suoi tre figli.