Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino Covid, dosi sul mercato nero dai residui nelle fiale: Nas in quattro ospedali di Roma

  • a
  • a
  • a

A caccia di residui di prezioso vaccino contro il Coronavirus per poi rivendere le dosi sul mercato nero: si tratta dell’ipotesi su cui stanno indagando i carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità. A Roma e in tutta Italia il rischio che mafia e criminalità sfruttino l'emergenza Coronavirus è reale.  I clan, secondo le indagini, stanno già provando a entrare nel mercato dei vaccini. Con ispezioni in almeno quattro ospedali romani in cui si sta somministrando il vaccino, per verificare gli scarti delle dosi del siero e controllare che le dosi ufficiali registrate agli atti coincidano con le effettive somministrazioni e con le quantità prelevate dalle fiale: lo riporta Il Messaggero.

 

 

Prosciugando il fondo delle fiale di Pfizer, goccia dopo goccia, pare si ottengano dosi di siero anti-Covid da rivendere sul mercato nero. I Nas di Roma hanno quindi chiesto ai responsabili delle strutture che si stanno occupando della vaccinazione i registri dove vengono annotati i nomi delle persone cui è stato inoculato il siero, con un controllo, allo stesso tempo, i residui.