Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Papa Francesco contro i pettegoli: "No a chi sparla e si lamenta e perdono a chi ci ha offeso"

  • a
  • a
  • a

Papa Francesco ha parlato prima dell’Angelus dalla Biblioteca del Palazzo apostolico vaticano. Bergoglio contro i pettegoli nel giorno di Santo Stefano.

"Il Signore desidera che facciamo della vita un’opera straordinaria attraverso i gesti ordinari, di ogni giorno. Lì dove viviamo, in famiglia, al lavoro, ovunque, siamo chiamati a essere testimoni di Gesù, anche solo donando la luce di un sorriso - luce che non è nostra, è di Gesù - e fuggendo le ombre delle chiacchiere e dei pettegolezzi. E poi, quando vediamo qualcosa che non va - ha detto il Pontefice -, al posto di criticare, sparlare e lamentarci, preghiamo per chi ha sbagliato e per quella situazione difficile. E quando a casa nasce una discussione, anziché cercare di prevalere, proviamo a disinnescare; e a ricominciare ogni volta, perdonando chi ci ha offeso. Piccole cose, ma cambiano la storia, perché aprono la finestra alla luce di Gesù. Santo Stefano, mentre riceveva le pietre dell’odio, restituiva parole di perdono. Così ha cambiato la storia. Anche noi possiamo cambiare ogni giorno il male in bene, come suggerisce un bel proverbio, che dice: ’Fai come la palma: le tirano sassi e lei lascia cadere datterì".