Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sci, si pensa alla ripartenza: tetto per gli skipass giornalieri, funivie al 50%. Le regole in discussione

  • a
  • a
  • a

Si avvicina la stagione dello sci. Almeno sulla carta e almeno così era prima del Coronavirus. C'è una bozza di documento  di ’proposta di linee guida per l’utilizzo degli impianti di risalita nelle stazioni e nei comprensori sciistici da parte degli sciatori amatorialì redatta nel tavolo tecnico interregionale sull’utilizzo degli impianti a fune.

Sulle piste da sci "è necessario limitare il numero massimo di presenze giornaliere mediante l’introduzione di un tetto massimo di skipass giornalieri vendibili determinato in base alle caratteristiche della stazione/area/comprensorio sciistico, con criteri omogenei per Regione o Provincia Autonoma o comprensorio sciistico da definire successivamente, sentiti anche i rappresentanti di categoria, concordati con i Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali competenti per territorio". 

Nel caso delle seggiovie si prevede la, portata massima al 100% della capienza del veicolo con uso obbligatorio di mascherina chirurgica anche eventualmente opportunamente utilizzata inserendola in strumenti (come fascia scalda collo) che ne facilitano l’utilizzabilità. Per le cabinovie, riduzione al 50% della capienza massima del veicolo ed uso obbligatorio di mascherina chirurgica. Per le funivie, riduzione al 50% della capienza massima del veicolo, sia nella fase di salita che di discesa, con uso obbligatorio di mascherina chirurgica. Deve inoltre essere assicurato il distanziamento interpersonale di 1 metro in tutte le fasi precedenti il trasporto.