Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gene Gnocchi cita Rocco Siffredi in cattedrale, bufera sul comico: "Blasfemo". Lui si difende: "Il vescovo si è divertito"

  • a
  • a
  • a

Polemica su Gene Gnocchi per una forse inopportuna citazione di Rocco Siffredi durante un monologo in cattedrale. Questi i fatti, che hanno come location appunto la cattedrale di Carpi. L’episodio si è svolto qualche tempo fa in una due giorni dedicata al beato Edoardo Focherini per celebrare con tutti i crismi il 75esimo del martirio. Al convegno Il tempo del beato Focherini e la società nella pandemia: capaci di diventare popolo solidale, promosso dalla diocesi emiliana con il patrocinio del comune, tra le altre personalità, era stato invitato anche Gene Gnocchi che ha tenuto un monologo sulla pandemia da Covid. "Nel monologo - ha raccontato all’Adnkronos Gene Gnocchi - c’era una battuta su Rocco Siffredi ma era legata ad un filo logico del mio discorso". Qualcuno però si è sentito urtato dal riferimento all’attore porno e ha dato vita ad un tam tam sui social. Don Ermanno Caccia, già responsabile dell’Ufficio comunicazioni sociali della diocesi, sui social ha riassunto così l’indignazione: "Per celebrare il 75esimo anniversario di martirio del Beato Focherini non si è trovato di meglio che chiamare un comico se cosi si può chiamare, per parlare di pandemia. O meglio per assistere ad un atto blasfemo in cattedrale in cui tra lambrusco, battute oscene e gli attributi di Rocco Siffredi. Ma dove Siamo arrivati? Chiesa in uscita? Mah: preghiamo, preghiamo", ha scritto il parroco.  

 

 

Gene Gnocchi, dal canto suo, respinge le accuse di blasfemia: "Io sono assolutamente corretto e la cosa è stata concordata con tutti. Erano tutti divertiti. Non ci sto perché c’erano professori universitari che si sono divertiti, c’era un sacco di gente e nessuno ha detto niente". Il riferimento al re del porno in cattedrale, assicura è stata "una cosa en passant senza alcuna intenzione negativa, men che meno blasfema. Poi non capisco cosa ci sia di blasfemo in Rocco Siffredi". In chiesa, ricorda ancora Gnocchi, "ero col vescovo, con diverse personalità e nessuno si è sentito in dovere di dire alcunché perché si sono tutti divertiti".