Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, morto a 45 anni il campione di body building Salvatore Solimeno. Istruttore di fitness, due lauree: era anche nutrizionista

  • a
  • a
  • a

Salvatore Solimeno, campione di body building, è morto a soli 45 anni, stroncato dal Covid, nonostante una vita dedicata allo sport e al benessere. L'istruttore di fitness e titolare di una palestra molto frequentata a Pompei, era anche un medico nutrizionista. Solimeno era ricoverato al Fatebenefratelli di Napoli da diversi giorni e - come scritto dal quotidiano Il Mattino - aveva un curriculum straordinario nel body building non solo a livello nazionale. Salvatore era inoltre testimonial di una azienda di integratori

 

 

Sotto choc la città di Pompei, con gente ancora incredula. Tanti i messaggi di cordoglio, per Pompei si tratta della decima vittima da Covid. Solimeno aveva due lauree e da coach aveva seguito e portato alla vittoria diversi atleti. Il campione di body building soffriva di una patologia congenita, la talassemia, ma ciò non gli ha impedito di svolgere una vita completamente normale. Dopo aver contratto il Covid è stato ricoverato per una insufficienza respiratoria e alla fine non ce l'ha fatta. "Era forte e combattivo - hanno spiegato gli amici, sempre su Il Mattino -. Eravamo convinti che avrebbe sconfitto anche il Covid, quando ci hanno detto della morte pensavamo fosse un errore".