Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

E' morto lo storico dell'arte Philippe Daverio

Pietro Paolo Savini
  • a
  • a
  • a

E' morto lo storico dell'arte Philippe Daverio. Lo si è appreso nella mattinata del 2 settembre 2020. Lo ha reso noto Andree Ruth Shammah, regista teatrale e anima del Teatro Parenti di Milano. Daverio, grande personaggio di cultura e noto storico dell'arte, era ex assessore alla Cultura del Comune di Milano, aveva 71 anni. Popolare tra il grande pubblico per interessanti trasmissioni culturali trasmesse dalle reti nazionali, recentemente aveva condotto anche una rubrica su Striscia La Notizia dedicata alle bellezze delle città italiane, i cosiddetti "musei aggratiss". Il decesso è avvenuto all'Istituto dei tumori del capoluogo lombardo. Italiano, con cittadinanza francese, Daverio era nato a Mulhouse, in Alsazia, il 17 ottobre 1949 da padre italiano, Napoleone Daverio, costruttore, e da madre alsaziana, Aurelia Hauss. Come ricorda Wikipedia, era il quarto di sei figli. Dopo gli studi in collegio, dove ricevette un'educazione ottocentesca, frequentò prima la Scuola Europea di Varese, e poi studiò economia e commercio, senza laurearsi (non scrisse la tesi finale pur superando tutti gli esami), alla Bocconi di Milano. Daverio di se stesso diceva: «Io non sono dottore perché non mi sono laureato, ero iscritto alla Bocconi nel 1968-1969, in quegli anni si andava all'università per studiare e non per laurearsi».

La morte di Daverio, intanto, ha creato sorpresa e dolore in tutta Italia. Molte emittenti radio stanno diramando la notizia e raccolgono telefonicamente e con messaggi WhatsApp il cordoglio e il dolore di molti cittadini.

Pietro Paolo Savini