Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, in Calabria chiuse discoteche e sale da ballo nei lidi

  • a
  • a
  • a

 «Il presidente della Regione Jole Santelli ha firmato oggi l’ordinanza n. 61 che di fatto, ai fini del contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2/COVID-19, sospende tutte le attività che hanno attinenza con il ballo, quindi sale da ballo, discoteche e locali assimilati come i lidi balneari, all’aperto o al chiuso».

 

 

Lo si legge in una nota della Giunta della Calabria, in cui si specifica che il provvedimento viene adottato «in accordo con il Governo nazionale e dopo aver interloquito con i ministri della Salute e degli Affari regionali, Francesco Boccia e Roberto Speranza».

Il divieto decorre dalla data di pubblicazione dell’ordinanza e fino a tutto il 7 settembre 2020, ovvero a data antecedente qualora la curva dei contagi dovesse ritornare ad un livello compatibile con un rischio basso di trasmissibilità del contagio. Rimangono in vigore tutte le misure statali e regionali di contenimento del rischio di diffusione del virus già vigenti, nel territorio regionale. «Con lo stesso atto - si trova ancora scritto - è dato mandato ai Dipartimenti di prevenzione delle Aziende sanitarie provinciali per l’esecuzione delle predette misure, nonché per le relative attività di controllo e verifica del rispetto dei provvedimenti regionali adottati per l’emergenza, anche in coordinamento con le altre Istituzioni competenti per materia, con particolare riferimento agli stabilimenti delle aree turistico-ricettive, agli esercizi pubblici e alle aree pubbliche». Inoltre, in base all’evoluzione dello scenario epidemiologico, ovvero a provvedimenti emanati a livello nazionale, le misure indicate potranno essere rimodulate..