Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Decreto Agosto: bonus, tasse sospese, cassa integrazione, fondo casalinghe, aiuti ai lavoratori. Tutte le scelte del governo

  • a
  • a
  • a

Approvato "salvo intese" il decreto Agosto per far fronte alla crisi economica dovuta al Coronavirus. Il pacchetto prevede numerose misure, si va alla proroga della cassa integrazione al bonus baby sitter, dal bonus per i lavoratori allo stop dei licenziamenti, dal fondo per le casalinghe agli aiuti per il sud. Vediamo in sintesi quali sono le miusre annunciate dal governo.

LAVORO Ancora 18 settimane di cassa integrazione di cui le seconde nove con contributo da parte dei datori di lavoro (del 9% o del 18% in base al calo di fatturato, nullo se è superiore al 20% ). In alternativa sgravi dei contributi previdenziali per 4 mesi per le aziende. Sgravi per le nuove assunzioni a tempo indeterminato per sei mesi con il limite di esonero pari a 8.060 euro su base annua riparametrato e applicato su base mensile, o per tre mesi per le assunzioni a tempo determinato nel settore turistico e degli stabilimenti termali. Rimossi i vincoli del decreto dignità fino alla fine dell'anno.

BONUS Mille euro per i lavoratori dipendenti stagionali del settore turistico e degli stabilimenti termali e per gli iscritti al Fondo pensioni dello spettacolo. Le indennità previste dal Cura Italia sono riconosciute ai lavoratori autonomi anche per la quarantena.

LICENZIAMENTI Non possono licenziare le aziende che utilizzano la Cig o accedono agli sgravi, almeno al 15 novembre, quando si chiude la finestra per richiedere le ulteriori 18 settimane di cig.

MARITTIMI Ai lavoratori di questo comparto viene riconosciuta una indennità di 600 euro per i mesi di giugno e luglio.  

REDDITO EMERGENZA  Nova tranche per le famiglie  in difficoltà: assegno da 400 euro una tantum. Richiesta entro il 15 ottobre.

CASALINGHE Fondo per la formazione delle casalinghe. Dotazione di 3 milioni euro annui dal 2020 per le donne che svolgono attività prestate nell’ambito domestico, senza vincolo di subordinazione e a titolo gratuito, finalizzate alla cura delle persone e dell’ambiente domestico. Assicurazione obbligatoria.

WELFARE AZIENDE Quest'anno raddoppia il limite esentasse del welfare aziendale per i dipendenti.

SUD Decontribuzione del 30% dall'1 ottobre al 31 dicembre per i lavoratori privati la cui sede di lavoro sia situata in Regioni che nel 2018 presentavano un prodotto interno lordo pro capite inferiore al 75 per cento della media europea o compreso tra il 75 per cento e il 90 per cento e un tasso di occupazione inferiore alle media nazionale.

RISTORAZIONE Dotazione di 400 milioni per il comparto per l’acquisto di prodotti made in Italy, ma solo se il fatturato da marzo a giugno 2020 è inferiore ai tre quarti del fatturato medio dello stesso periodo 2019. Oppure se si è avviata l’attività dopo l'1 gennaio 2020.

CENTRI STORICI Contributo a fondo perduto per le attività economiche e commerciali dei centri storici, ma solo se le entrate di giugno sono state più che dimezzate rispetto allo stesso periodo del 2019. Il contributo è del 20% per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 400mila euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso; 15% con ricavi o compensi superiori a 400mila e fino a 1 milione; 10% con ricavi superiori a un milione.

TASSE Sospese nei mesi di marzo, aprile e maggio, potranno essere pagate in due tranches. La prima in un’unica soluzione entro il 16 settembre o con massimo 4 rate entro il 16 settembre. L'altra metà potrà essere pagata con un massimo di ventiquattro rate mensili di pari importo. Prima rata entro il 16 gennaio 2021.

ACCONTI Slittano ad aprile gli acconti dovuti a novembre delle imposte sui redditi e dell’Irap dagli Isa o gli autonomi in regime forfettari che abbiano subito una diminuzione di fatturato o corrispettivi di almeno il 33 per cento nel primo semestre del 2020, sempre rispetto al 2019.

CARTELLE ESATTORIALI Riscossione bloccata fino al 15 ottobre.

IMU Discoteche, sale da ballo, night-club e simili non pagheranno la seconda rata Imu. Stessa cosa per stabilimenti balneari, termali, villaggi, hotel, ostelli, residence, bed and breakfast, campeggi e affittacamere, strutture per fiere e manifestazioni.

TOSAP E COSAP Proroga dell’esonero del pagamento fino al 31 dicembre 2020.

PMI Proroga della moratoria per le Pmi al 31 gennaio 2021, dalla precedente scadenza del 30 settembre. Per le imprese già ammesse la proroga della moratoria opera automaticamente senza alcuna formalità, salva l’ipotesi di rinuncia espressa da parte dell’impresa beneficiaria, da far pervenire al soggetto finanziatore entro il termine del 30 settembre 2020.

SANITA' Più straordinari, con la possibilità per i medici all’ultimo anno di specializzazione di stilare in autonomia i referti per le prestazioni ambulatoriali. Lo scopo è smaltire le liste di attesa.

BABYSITTER Nuove risorse per il bonus baby sitter per i medici, che sale  a 236,6 milioni per il 2020. Contestualmente le risorse per l’indennità lavoratori domestici scendono a 291 milioni.

SCUOLA Altri 400 milioni nel 2020 e 600 nel 2021 per il fondo Scuola. Soldi per l’acquisto, leasing o noleggio di strutture temporanee e ulteriori spazi da destinare all’attività didattica, all’attività ludico-ricreativa, di approfondimento culturale, artistico, coreutico, musicale e motorio-sportivo e per la sostituzione del personale fin dal primo giorno di assenza.

VACCINI Fondo per le emergenze nazionali incrementato di 580 milioni per il 2020 e di 300 per il 2021. 80 milioni quest’anno e 300 il prossimo vanno alla ricerca e sviluppo e all’acquisto di vaccini e anticorpi monoclonali prodotti da industrie nazionali, anche attraverso l’acquisizione di quote di capitale a condizioni di mercato.

ALITALIA Venti milioni di capitale sociale iniziale per la newco dell’ex compagnia di bandiera. Il piano industriale deve essere approvato dal cda entro trenta giorni dalla costituzione della società.

AIRITALY Sblocco della cassa integrazione per gli oltre 1500 lavoratori.

PIR Per i piani di risparmio a lungo termine gli investitori possono destinare somme o valori per un importo non superiore a 300.000 euro l’anno e a 1.500.000 euro complessivi.

VENEZIA Nasce l’autorità per la laguna a cui sono attribuite tutte le funzioni e competenze relative alla salvaguardia della città e della zona lagunare e al mantenimento del regime idraulico.