Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

A Torino c'è la cerimonia per ricordare Marchionne

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

 A quasi due mesi dalla scomparsa, il 14 settembre 2018 la città di Torino porgerà il suo saluto a Sergio Marchionne, storico manager di Fca. La funzione pubblica si terrà alle 11 in Duomo e sarà officiata dall'arcivescovo, Cesare Nosiglia. Marchionne, amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles e di Ferrari, si è spento a 66 anni dopo un intervento in una clinica svizzera. Nei 14 anni di lavoro per la famiglia Agnelli ha contribuito e assistito al passaggio da Fiat a Fca, sanando il debito dell'azienda, rendendola globale e proiettandola verso il futuro. I funerali si sono già svolti in Canada con la partecipazione dei familiari, tra cui la compagna Manuela Battezzato, 47 anni, e i figli di primo letto, Alessio Giacomo e Jonathan Tyler, in forma strettamente privata. Sarebbe stato impossibile, però, non immaginare un saluto da parte della città, e, in generale, di tutta l'Italia. Alla funzione pubblica di Torino, oltre ai familiari e i vertici di Fca (John Elkann e Mike Manley), alle personalità politiche, dell'industria e dello sport, sono attese anche alcune delegazioni operaie. È previsto anche uno spazio all'interno della cattedrale per i cittadini e quanti vorranno partecipare alla funzione. Per la città di Torino presenzierà la sindaca, Chiara Appendino, e per la Regione, il presidente, Sergio Chiamparino. Fonti vicine al Pd confermano la partecipazione dell'ex premier, Matteo Renzi, atteso nel capoluogo piemontese per partecipare alla Festa de L'Unità. Per il momento non sono previste misure di sicurezza straordinarie in città ma normali controlli di pubblica sicurezza. Al saluto pubblico italiano si unirà anche quello americano che avverrà il 27 settembre 2018 ad Auburn Hills, in Michigan, sede della divisione statunitense di Fca. Marchionne, come da ultime volontà, è stato tumulato nel cimitero di Vaughan, città di 300mila abitanti, a trenta chilometri a nord di Toronto, in Canada, vicino ai genitori e alla sorella.  Martina Coppola