Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sodomizzatore seriale condannato all'ergastolo: ha violentato 195 uomini

default_image

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

A Manchester era diventato l'incubo dei frequentatori di pub e delle discoteche. Attirava infatti gli uomini ubriachi, li invitava a casa e appena si addormentavano abusava di loro: sodomizzandoli o sottoponendole a violenze volte comunque a soddisfare i suoi desideri sessuali. Il sodomizzatore seriale però è stato individuato, arrestato e condannato dal tribunale alla massima pena: l'ergastolo. Si tratta di uno studente indonesiano di 36 anni riconosciuto colpevoe di avere stuprato o aggredito sessualmente 48 giovani uomini, ma in realtà, secondo quanto scrive The Guardian, le sue vittime sarebbero state almeno 195 in un periodo di due anni e mezzo. Lo studente attirava le vittime nel suo appartamento presentandosi come una sorta di «buon samaritano», le drogava e quindi le stuprava mentre erano prive di conoscenza, riprendendo anche le scene sui suoi due cellulari.  L'uomo è stato condannato all'ergastolo con un minimo di 30 anni da scontare senza mai uscire di galera al termine del terzo e quarto processo contro di lui che ha riguardato 23 vittime, mentre il primo ed il secondo processo riguardante altre 25 vittime si erano conclusi con l'ergastolo con un minimo di 20 anni di pena da scontare. Per la donna giudice che ha pronunciato la sentenza, Suzanne Goddard, lo studente indonesiano era un «mostro»: a Manchester attirava uomini che erano ubriachi o svenuti al termine delle serate, offrendo loro un letto e poi li sodomizzava. Secondo i procuratori, parlava alle vittime in modo dolce e si presentava inoffensivo ma poi le violentava le brutalmente, filmando molti dei rapporti sessuali forzati. Tante delle vittime non erano coscienti al momento della violenza. "Ma il vero numero totale delle vittime potrebbe non conoscersi mai", ha dichiarato la giudice nella Corte di Manchester. D'altronde - sempre secondo la donna giudice  - gli uomini, da sempre, sono meno propensi delle donne a denunciare le violenze sessuali, soprattutto se subite da un uomo.