Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Si rifiuta di dargli l'elemosina: il nigeriano lo picchia e poi lo colpisce con una pietra

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

All'uscita di un supermercato si è rifiutato di dare l'elemosina a un nigeriano che sostava davanti alla porta e lo straniero ha reagito picchiandolo con calci e schiaffi. Poi, non contento di averlo già picchiato, ha preso una pietra da terra e gliel'ha lanciata addosso. L'uomo - già dolorante per le botte ricevute - è riuscito a parare il colpo, ma è rimasto comunque ferito a una mano. Ne dà notizia IlGiornale.it che riferisce che il fatto è accaduto nei giorni scorsi davanti un supermercato di Casarano, in provincia di Lecce. "Il protagonista in negativo dell'ennesima assurda aggressione per l'obolo mancato - scrive IlGiornale.it  -  è un nigeriano di 34 anni, che a causa di quanto fatto durante la giornata dello scorso lunedì 9 dicembre, è ora accusato dei reati di tentata estorsione e lesioni personali. A seguito del fermo si sono, pertanto, spalancate per l'extracomunitario le porte della casa circondariale di Lecce, come disposto dal sostituto procuratore Giovanni Gallone e successivamente confermato al termine dell'udienza di convalida anche dal giudice per le indagini preliminari Marcello Rizzo". "I fatti - continua il racconto de Il Giornale - si sono svolti nell'area di parcheggio dell'Eurospin di Casarano, dove la vittima aveva appena terminato di fare la spesa, prima di raggiungere la propria autovettura. È in quel momento, come riportato dalla stampa locale, che all'uomo si è avvicinato" lo straniero "fermamente intenzionato ad ottenere del denaro". "Le reiterate ed insistenti richieste dell'africano non hanno portato ad alcun risultato, se non alla nascita di un alterco tra i due, che ha assunto dei toni via via più accesi. Il nigeriano ha seguito l'uomo fino alla sua auto, ed ha iniziato a diventare sempre più aggressivo, tanto da arrivare ad urlargli insulti e minacce pur di ottenere l'obolo. Tutto inutile, dato che la vittima è salita a bordo della vettura, pronta ad andarsene. È a questo punto che il furioso extracomunitario ha iniziato a colpire con calci e pugni la carrozzeria del veicolo senza, tuttavia, limitarsi solo a questo". "Come confermerebbero anche le immagini delle videocamere di sorveglianza puntate all'esterno del supermercato - prosegue la cronaca de Il Giornale - , una volta che l'uomo è uscito nuovamente dall'abitacolo, l'africano lo ha colpito con calci e schiaffi, e si è fermato solamente dopo l'intervento di alcuni connazionali. Dopo essersi allontanato, ma solo per pochi istanti, dal luogo l'aggressoreha fatto ritorno impugnando un sasso raccolto da terra, che ha scagliato con violenza contro lo stesso uomo, ferendolo alla mano sinistra". Davanti al giudice il nigeriano ha poi negato tutto, sostenendo che si era trattato di un semplice alterco. Ma le immagini riprese dalle telecamere lasciano pochi dubbi sulla dinamica. Lo straniero intanto è in carcere, ma il legale difensore - secondo Il Giornale - ha già pronta la richiesta del beneficio degli arresti domiciliari.