Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, suora in fuga d'amore e il convento chiude. Chi è la superiora. Lei: "E' tutto più complicato"

Maria Teresa è la terza da sinistra (foto la Repubblica)

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

La madre superiora si chiama Maria Teresa Saccente: si è innamorata di un uomo e la fuga d'amore ha fatto chiudere il convento.  Si tratta del monastero San Bernardo Tolomei di Sanselpolcro, in Valtiberina, provincia di Arezzo. La  suora che aveva ridato vita all'antico convento dei Padri Cappuccini, concesso dal 2015 alle monache benedettine olivetane, si è raccontata al quotidiano la Repubblica: "Quello che sto subendo mi segnerà per la vita". "Sarà difficile che in futuro io voglia ancora avere a che fare con la Chiesa. Hanno voluto dire così - risponde al quotidiano alla domanda se sia tutta colpa di una questione di cuore -, lasciamo che lo dicano, la faccenda è molto più complicata di quanto sembra",  L'antico convento dei Padri Cappuccini di Sansepolcro, dopo una lunga ristrutturazione seguita proprio da suor Teresa, quarantenne pugliese,  era diventato un punto di riferimento della comunità. Non solo centro di spiritualità e di accoglienza​​​, ma anche un luogo di ritrovo con i suoi 19 posti letto nel monastero e i 20 bungalow nel bosco. ​​​ Il vescovo di Arezzo Riccardo Fontana: "Decisione della Santa Sede".