Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

In 5 minuti 2 scosse di terremoto in Trentino e Basilicata

L'epicentro della scossa M.3.4 in provincia di Trento (mappa Ingv)

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

Nell'arco di appena cinque minuti, nella mattinata dell'8 agosto 2019, si sono verificate due scosse di terremoto in due parti opposte dell'Italia: per gli esperti non ci sarebbero comunque collegamenti tra i due eventi. La più forte - riferisce Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) di Magnitudo 3.4 alle ore 7.36 con epicentro a Vallarsa, in provincia di Trento. La scossa è stata chiaramente avvertita dalla popolazione di una vasta area che ha toccato anche le province di Verona e Vicenza e in particolare ad Ala, Brentonico, Avio, Trambileno, Mori, Rovereto, Isera, Terragnolo, Recoaro Terme, Posina, Nogaredo, Valli del Pasubio, Erbezzo, Ronzo-Chienis, Folgaria, Malcesine, Selva di Progno. Questa scossa è stata preceduta da un altro terremoto analogo: Magnitudo 3.1 alle ore 7.31 con epicentro (dati Ingv) a Muro Lucano, in provincia di Potenza. Anche qui vasta l'area del risentimento degli effetti, che si è estesa anche alle province di Salerno e Avellino. Il sisma è stato chiaramente avvertito a Muro Lucano, Bella, Castelgrande, San Fele, Rapone, Ruvo del Monte, Ricigliano, Pescopagano, Sant'Andrea di Conza, San Gregorio Magno, Romagnano al Monte, Ruoti, Conza della Campania, Salvitelle. In entrambi i casi non si segnalano danni, ma molta paura tra la popolazione delle località limitrofe. AGGIORNAMENTI - Alle ore 08.37: La Protezione civile del Trentino, via Twitter, ha confermato che "al momento non si registrano segnalazioni di danni a persone o cose".