Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lo studente italiano trovato morto a Valencia aveva un coltello nel petto

Esplora:

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

Lo studente italiano trovato morto in Spagna aveva un coltello conficcato nel petto. Lo si apprende da fonti della polizia spagnola il 22 marzo 2017. Lo studente - Giacomo Nicolai, 24 anni, di Fermo  era a Valencia per il programma Erasmus Erano stati gli amici, il 21 marzo 2017, a trovare il cadavere del giovane sul letto dell'abitazione (in via Calle Josè Maria de Haro, tra la zona universitaria e la Malva Rosa, la spiaggia di Valencia) nella quale aveva trovato alloggio. Ma solo ora si è avuta la notizia del particolare del coltello. Notizia tenuta nascosta dalle autorità anche ai genitori in attesa del loro arrivo in Spagna. I genitori sono una coppia di professionisti molto nota nella città marchigiana. La magistratura spagnola ha disposto l'autopsia. "Per le autorità - scrive repubblica.it - si è trattato di suicidio". "Fin da subito è sembrato trattarsi di un caso di morte violenta e l'autopsia ha effettivamente confermato quest'ipotesi: una morte violenta di natura suicida senza intervento di terze persone", ha fatto sapere - riporta ancora repubblica.it  - un portavoce della polizia di Valencia. Sempre secondo l'autopsia, Giacomo Nicolai si sarebbe inflitto "tre colpi con un coltello, l'ultimo dei quali sarebbe stato quello letale. Nessuna persona sospettata, dunque: si tratta di un suicidio". In Italia, però, questa versione non convince chi conosceva il ragazzo.