Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morte Sarah Scazzi: attesa per la sentenza

default_image

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

E' slitatta a oggi la decisione della Cassazione sul delitto di Avetrana. Il presidente della prima sezione penale, Arturo Cortese, ieri sera ha annunciato che alle 10 di questa mattina i giudici annunceranno il responso oppure daranno la tempistica sulla sentenza. La giornata al Palazzaccio ieri è iniziata con la requisitoria del procuratore generale Fulvio Baldi che ha chiesto la conferma della condanna all'ergastolo per Sabrina Misseri e per sua madre, Cosima Serrano, condannate per aver ucciso la piccola Sarah Scazzi nell'estate del 2010. Chiesta la conferma anche per le condanne di Michele Misseri (8 anni), zio della vittima e per il fratello di lui, Carmine (5 anni e 11 mesi). Il primo è accusato di soppressione di cadavere e inquinamento delle prove, il secondo di soppressione di cadavere.  LA REQUISITORIA - Il Pg si è detto "convinto della ricostruzione colpevolista adottata nella sentenza d'appello". Il giorno dell'omicidio, ha sottolineato il magistrato, Sabrina Misseri, cugina di Sarah, "è in uno stato di nervosa frustrazione perché addebita a Sarah la fine della relazione con Russo e la diffusione di notizie su di loro". Cosima Serrano, madre di Sabrina e con lei accusata di omicidio, "prende le parti della figlia e finisce per immedesimarsi in lei: le due prima rimproverano Sarah, poi, quando la ragazzina vuole tornare a casa, la rincorrono e portano nel loro appartamento per 'darle la lezione che merita'", uccidendola. Michele Misseri dal canto suo, con l'aiuto del fratello Carmine, si disfa del cadavere, dopo l'avventura morte su "ordine delle donne della sua famiglia". Fulvio Baldi ha concluso sottolineando: "Non si distragga il collegio giudicante, e metta la parola fine a questa dolorosa vicenda per dare a Sarah il riposo eterno che merita".